Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Seicento > Italia > Sansepolcro

CICLo AGOSTINIANo nel Chiostro di SanSepolcro

Il mistero della TrinitÓ: Agostino incontra il Bambino Ges¨ su una spiaggia, lunetta nel chiostro agostiniano di San Sepolcro

Il mistero della TrinitÓ: Agostino incontra il Bambino Ges¨ su una spiaggia

 

 

MAESTRO DI SANSEPOLCRO

1650-1670

Chiostro del convento agostiniano di Sansepolcro

 

Il mistero della TrinitÓ: Agostino incontra il Bambino Ges¨ su una spiaggia

 

 

 

La scena, che da Schelte Ŕ stata associata alla visita che Agostino, secondo una tradizione medioevale accreditata dagli eremitani agostiniani, avrebbe compiuto presso un gruppo di monaci pisani, viene trattata dall'autore del ciclo con un affresco a sÚ stante. Il dipinto Ŕ rovinato in pi¨ parti, ma si riesce comunque ancora a leggere la struttura dell'episodio narrato: sulla destra si intravede la lunga scalinata che porta al monastero di questi monaci, mentre a sinistra si apre una larga radura per l'attracco delle navi. Vicino al faro si possono notare gli alberi e le vele di alcune navi. In primo piano Agostino, vestito da monaco con un nero saio, Ŕ in piedi mentre sta leggendo un libro: un fanciullo nimbato lo guarda mentre sta giocando con l'acqua e la sabbia. Secondo la tradizione alla domanda di Agostino che gli chiede cosa sta facendo, il bambino risponde che vuol mettere tutta l'acqua del mare nella buca che fatto sulla spiaggia. Alla osservazione di Agostino che non pu˛ ottenere ci˛ che vuole, il bambino risponde che neppure lui pu˛ pensare di comprendere il mistero della TrinitÓ: l'infinitÓ di Dio non pu˛ essere compresa nella mente limitata dell'uomo.

La TrinitÓ, oggetto del colloquio fra Agostino e il Bambino, si intravede in alto a sinistra fra dense nubi da dove escono prepotentemente dei raggi di luce. La narrazione pittorica segue lo schema adottato da Guasparini a Cortona.

 

Questa leggenda Ŕ stata studiata da L. Pillion in La LÚgende de s. JÚrome in Gazette des Beaux-Arts del 1908. L'episodio che godrÓ di molta fortuna nella iconografia agostiniana riprende un testo della Lettera apocrifa a Cirillo che avrebbe scritto lo stesso Agostino. In un passo Agostino ricorda una rivelazione divina con queste parole: "Augustine, Augustine, quid quaeris ? Putasne brevi immittere vasculo mare totum ?".

Questa leggenda si troverebbe forse giÓ nel XIII secolo, sotto forma di exemplum, in uno scritto di Cesare d'Heisterbach (cfr. H. I. Marrou, Saint Augustin et l'ange, une lÚgende mÚdioÚvale, in l'Homme devant Dieu, MÚlanges offerts au P. de Lubac, II, 1964, 137-149).

Questa leggenda sulla TrinitÓ soppiant˛ ben presto la leggenda della Vedova che trattava dello stesso argomento della TrinitÓ. L'origine di questa tematica iconografica non proverrebbe dunque dalla agiografia medioevale quanto piuttosto dalla predicazione. P. Antonio Iturbe Saýz ha a sua volta proposto una possibile ricostruzione della sua origine: nel secolo XIII si scrivevano "exempla" per i predicatori e in uno di questi apparve questa leggenda applicata a un professore di scolastica di Parigi con un fine chiaramente morale: criticare la alterigia e la superbia dei teologi.

Ma come poi tutto ci˛ fu collegato ad Agostino ? Due possono essere le spiegazioni: primo che necessitava un protagonista alla storia stessa e Agostino era l'uomo adatto in quanto era considerato un sommo teologo. La seconda spiegazione sta nella diffusione del testo di un apocrifo in cui san Gerolamo (come Ŕ stato anticipato all'inizio) discute con Agostino sulle capacitÓ umane di comprendere il mistero divino. In ogni caso la prima volta che si incontra questa leggenda applicata ad Agostino corre nell'anno 1263. In margine va ricordata la disputa sul luogo dove si sarebbe svolto l'incontro tra Agostino e Ges¨ Bambino: sulla spiaggia di Civitavecchia o di Ippona ? Gli Eremitani e i Canonici si batterono a lungo sul tema, soprattutto perchÚ ciascuno sosteneva che Agostino era stato il vero fondatore del loro Ordine religioso.