Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Quattrocento: Sandro Botticelli

PITTORI: Sandro Botticelli

Sant'Agostino nello studio

Sant'Agostino nello studio

 

 

SANDRO BOTTICELLI

1488-1490

Firenze, Galleria degli Uffizi

 

Sant'Agostino nello studio

 

 

 

Il dipinto, su tavola in legno, appartiene alla predella di una pala che raffigura San Giovanni Evangelista in Patmos. Nella predella scopriamo le scene con sant'Agostino nello studio, l'annunciazione, san Girolamo penitente nel deserto e sant'Eligio che risana la zampa di un cavallo. La predella misura in altezza cm 21 e in larghezza cm 269.

L'opera viene attribuita a Filipepi Alessandro che Ŕ meglio conosciuto con lo pseudonimo di Botticelli Sandro.

La scena Ŕ stata ripresa pi¨ volte da diversi artisti, che hanno rappresentato il santo nel suo scrittoio seduto in atto di scrivere. La scena Ŕ spesso il complemento o l'ambientazione preferita per le rappresentazioni tradizionali di Agostino vescovo e Dottore della Chiesa: sua caratteristica Ŕ proprio quella di avere scritto un gran numero di opere. La scena tuttavia qualche volta viene scambiata dagli artisti con quella del sogno di san Gerolamo, che si svolge anch'essa nello studiolo del santo mentre Ŕ intento a scrivere.

 

 

Sandro Botticelli

Botticelli crebbe con i suoi tre fratelli nel quartiere del chiostro domenicano medioevale di S. Maria Novella, non lontano dalla Chiesa di Ognissanti, per la quale avrebbe creato un giorno una delle sue opere pi¨ importanti.. Nelle vicinanze viveva la famiglia Vespucci da cui discese Amerigo che avrebbe dato nome alle Americhe. I Vespucci erano fedeli amici dei Medici e furono fra i primi sostenitori di Botticelli commissionandogli dipinti per tutta la vita e procurandogli importanti clienti fra cui i Medici stessi. Nello steso quartiere Botticelli aveva davanti agli occhi una delle pi¨ importanti opere della pittura proto rinascimentale fiorentina: l'affresco della TrinitÓ di Masaccio con la prima applicazione della prospettiva centrale. Botticelli si dimostr˛ aperto agli stimoli rinascimentali di Masaccio. Forte Ŕ la influenza della filosofia nella sua arte pittorica, che saranno sostituite nella maturitÓ, da una nuova concezione del mondo che metteva la concezione religiosa al centro della sua arte.

Nel 1470 Botticelli apre la sua bottega nella casa del padre in via Porcellana e poi si iscrive alla Compagnia degli Artisti di san Luca. Nel 1480 dipinge per incarico dei Vespucci lo splendido sant'Agostino per la chiesa di Ognissanti. Lavora a Roma e quindi a Firenze per Lorenzo il Magnifico nella sala dei Gigli di Palazzo Vecchio, a Villa Lemmi, nella chiesa di Cestello e per la strutturazione della facciata del Duomo di Firenze.

Nel 1491 Savonarola diventa priore di S. Marco. E' l'inizio di una influenza spirituale che sarÓ decisiva per le opere della maturitÓ di Botticelli.