Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Seicento: Maestro di Quito

PITTORI: Maestro di QUITo

La sepoltura del conte di Orgaz con S. Agostino e S. Stefano

La sepoltura del conte di Orgaz con Agostino e Stefano

 

 

MAESTRO DI QUITO

1600-1650

Quito, Convento di sant'Agostino

 

La sepoltura del conte di Orgaz con i santi Agostino e Stefano

 

 

 

Il dipinto che si conserva a Quito in Ecuador nel convento agostiniano di San AgustÝn raffigura La sepoltura del conte di Orgaz, un avvenimento di grande importanza nella Spagna trecentesca che ebbe un sussulto devozionale per diversi secoli.

La sepoltura di Don Gonzalo Ruiz de Toledo, conte di Orgaz, che si celebr˛ nella Chiesa di Santo TomÚ, ha avuto una risonanza sociale notevole nei secoli che seguirono. I fedeli cristiani infatti rimasero impressionati dall'evento miracoloso che la tradizione affermava con insistenza: nell'occasione della sepoltura del conte si sarebbe verificato il miracolo della presenza dei santi Stefano ed Agostino che avrebbero accompagnato Don Gonzalo nell'ultimo viaggio terreno. Questo evento miracoloso venne raccolto e immortalato nel famoso dipinto " La sepoltura del conte di Orgaz ", realizzato da El Greco nel 1588, due secoli e mezzo dopo la morte del gentiluomo cristiano.

La scena che venne dipinta a Quito non riprende lo scenografico impianto di El greco con tutto il suo carico di drammaticitÓ barocca.

Piuttosto sembra rifarsi ad altri modelli, molto pi¨ sobri e classici che provenivano dalle stampe allora in voga in Europa e che erano realizzate soprattutto in Olanda e Belgio nelle aree di influenza spagnola.

Nella scena qui riprodotta la bare del conte di Orgaz viene portata a spalle verso la sepoltura. Nel corteo che accompagna la salma si possono notare diversi nobili, chierici, il vescovo Agostino e santo Stefano, la cui presenza Ŕ all'origine del miracolo.

 

Il convento di sant'Agostino a Quito venne costruito dopo l'ultima eruzione nel 1575 del vulcano Pichincha. Dopo questo disastro la ricostruzione della cittÓ venne affidata all'architetto Becerra che costruý anche la chiesa e il convento di sant'Agostino, nel cui progetto dovette risolvere il difficile problema di costruire su un terreno con forte obliquitÓ una piattaforma orizzontale. Basta dare uno sguardo al muro della chiesa che si affaccia sulla strada e alle pareti del cono per apprezzare il lavoro di riempimento del terreno eseguito con lo scopo di realizzare il disegno elegante e semplice di Becerra.

 

Bibliografia: NAVARRO, JG: Contributi alla Storia dell'Arte in Ecuador. Volume III - Alicante