Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Seicento: Juan Romero de Sevilla

PITTORI: Juan Romero de Sevilla

Trionfo dell'Eucaristia

Trionfo dell'Eucaristia

 

 

JUAN ROMERO DE SEVILLA

1685

Granada, chiesa di sant'Agostino

 

Trionfo dell'Eucaristia

 

 

 

Nel Trionfo dell'Eucaristia, una grande altare tela dipinta nel 1685 per gli Agostiniani di Granada, Juan Romero de Sevilla ha realizzato uno dei suoi capolavori, con la sua maestria di prospettiva, in una composizione che esalta l'apoteosi tipico del Barocco migliore decorativo e trionfante alla fine del secolo. La tavola Ŕ alta cinque metri e si trova sull'altare maggiore della chiesa.

Agostino compare a sinistra in piedi, nella fascia inferiore della composizione vicino alla chiesa.

Con la mano sinistra regge un cuore fiammante, tipico simbolo iconografico del santo in etÓ barocca. Dirimpetto Ŕ stato raffigurato san Tommaso da Villanova, monaco agostiniano.

 

 

Juan Romero de Sevilla

Questo pittore spagnolo nato a Granada nel 1643, si form˛ in giovent¨ alla scuola di Francisco Alonso ArgŘello, in seguito lavor˛ con Pedro de Moya e con Alonso Cano dal 1660. L'influenza del suo maestro e lo studio delle incisioni fiamminghe, in particolare quelle di Rubens, hanno fondamentalmente caratterizzato la sua pittura. Dal 1674 ha ricevuto numerose commesse per varie chiese e conventi della cittÓ, come i due dipinti della sacrestia del convento di San Jeronimo e San Pantaleon a San Filippo Neri (oggi al Museo de Bellas Artes di Granada). Nel Trionfo dell'Eucaristia, una grande altare tela dipinta nel 1685 per gli Agostiniani di Granada, ha realizzato uno dei suoi capolavori, con la sua maestria di prospettiva, in una composizione che esalta l'apoteosi tipico del Barocco migliore decorativo e trionfante alla fine del secolo. La tavola Ŕ alta cinque metri e si trova sull'altare maggiore della chiesa.

Notevoli sono anche i lavori in cui dipinse i discepoli di Emmaus all'Hospital del Refugio e per il convento di San Antˇn di Granada. Ha lavorato anche a Cordoba e Siviglia, dove ha contribuito alle decorazioni a tempera per le celebrazioni del Corpus Domini. Altre opere sono La Sagrada Familia (al Museo della Passione a Valladolid), la PietÓ (nella Cattedrale di Siviglia), i Babbi Natale (al Museo Nazionale di Poznam in Polonia), la Presentazione della Vergine al Tempio e il ricco e il povero Lazzaro (al Museo del Prado a Madrid). Juan Romero morý a Granada nel 1695.