Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Settecento: Orelli Giuseppe

PITTORI: Orelli Giuseppe

Sant'Agostino e san Matteo

Sant'Agostino e san Matteo

 

 

ORELLI GIUSEPPE

1760

Nembro, chiesa di San Martino

 

Sant'Agostino e san Matteo

 

 

 

Giuseppe Antonio Orelli dipinse nel 1760 circa questo affresco che raffigura San Matteo e Sant'Agostino. La pittura a muro fa parte della decorazione pittorica della chiesa di Nembro.

La scena rappresentata da Orelli Ŕ piuttosto movimentata, dove i personaggi esprimono una forte dinamicitÓ espressiva. In basso Agostino offre un libro di grandi dimensioni alla vista di san Matteo. Un angelo che rivolge lo sguardo all'apostolo, indica allo stesso tempo con la mano destra un passo riportato sul libro.

La scena si svolge fra le nuvole del cielo con l'assistenza di un nugolo di angioletti che assistono attivamente all'episodio.

 

 

 

Orelli Giuseppe Antonio Felice

Nasce a Locarno nel 1706 e vi muore attorno al 1776, figlio di Baldassarre, pittore e decoratore, capostipite di una bottega operante in territorio ticinese e lombardo, e di Annunciata Maria Teresa Tuone. Avviato dal padre all'attivitÓ artistica, studi˛ e si form˛ probabilmente a Milano. Il suo trasferimento a Bergamo, attorno alla metÓ del XVIII secolo, inaugura la fase di maggiore attivitÓ della sua bottega, cui collaborarono i figli Baldassarre e Vincenzo Angelo. Alla produzione di affreschi e pale per le chiese bergamasche si aggiunsero pitture decorative per le residenze dell'aristocrazia lombarda. Numerose sono anche le sue opere attestate in patria, dove rientr˛ nel 1768. L'opera di Orelli, tra i pi¨ significativi esponenti del Settecento pittorico ticinese, si inserisce nella corrente del barocchetto lombardo.