Percorso : HOME > Monachesimo agostiniano > Storia dell'ordine > Priori Generali > Simone da Pistoia

Priori Generali: SIMONE DA PISTOIA

S. Agostino in ginocchio dinanzi al Cristo

S. Agostino in ginocchio dinanzi al Cristo

 

 

SIMONE DA PISTOIA

(1295-1298)

 

 

 

 

Del successore di Egidio Romano, Simone da Pistoia, si sa solamente che fu eletto all'unanimitÓ nel capitolo del 1295, celebrato a Siena, e che rinunci˛ al generalato davanti ai capitolari riuniti a Milano nel 1298. Il fatto si spiega perchÚ i definitori del capitolo del 1290 avevano determinato, che il superiore dell'Ordine e il suo procuratore ottenessero dal Papa che il Generale potesse rinunciare all'ufficio davanti ai capitolari del capitolo seguente (AAug. II, 295).

E Bonifacio VIII accolse la supplica con la bolla "Sacrae religionis merita" dell'8 aprile 1298; ma potŔ influire sulla decisione del generale quanto dice di lui Enrico da Friemar: che "era un uomo santo e molto anziano e degno di tutta riverenza".

NÚ Crusenio, nÚ Herrera portano alcuna prova, quando ci assicurano che frate Simone lasci˛ l'incarico "per amore al ritiro e alla vita di orazione"; ma non Ŕ improbabile che lo abbia fatto sotto l'influenza dell'esempio di Celestino V, che nel 1294 aveva rinunciato alla tiara.

 

 

 

Referenze:  CRUSENIO, Monasticon