Percorso : HOME > Monachesimo agostiniano > Monaci agostiniani > Teologi > Enrico Noris

Teologi agostiniani: ENRICO NORIS

Immagine di Enrico Noris

Enrico Noris

 

 

 

 

 

 

 

ENRICO NORIS

(Verona 1631 - Roma 1704)

 

 

 

Nacque a Verona nel 1631. Teologo e cardinale agostiniano, reggente degli studi a Pesaro (1658-62), a Perugia (1662-64), a Firenze (1664-66), finalmente a Padova (1666-72).

Chiamato da Cosimo III di Toscana, Ŕ nominato teologo del Granducato, precettore del figlio e professore di storia ecclesiastica all'UniversitÓ di Pisa (1674-92). Amico di A. Magliabecchi, fu con Fulgenzio Bellelli e Gian Lorenzo Berti tra i maggiori esponenti dell'agostinismo italiano del Seicento; venne accusato dai gesuiti francesi di simpatie gianseniste a motivo degli scritti Historia pelagiana (1673) e Vindiciae augustinianae (ambedue non ritenute censurabili da Roma anche se, ancora fino alla metÓ del sec. XVIII l'inquisizione spagnola ne vieterÓ la lettura e sarÓ necessario l'intervento di Benedetto XIV perchŔ se ne autorizzare la diffusione).

Prefetto della Biblioteca Vaticana, nel 1692 Ŕ nominato da Innocenzo XII primo custode della Biblioteca Vaticana e nel 1695 creato cardinale. Lo stesso papa gli conferisce la dignitÓ di bibliotecario di Santa Romana Chiesa.

Fu uno dei maggiori eruditi del XVII secolo, ammirato da molti grandi del tempo per le sue vaste e sicure conoscenze in storia sacra e profana, archeologia, cronologia e numismatica. Numerosa la produzione letteraria. In campo teologico, come per tanti confratelli, si dovette difendere dall'accusa di baianismo e giansenismo.

Morý a Roma nel 1704.