Percorso : HOME > Monachesimo agostiniano > Storia dell'ordine > Priori Generali > Giacomo da Orte

Priori Generali: GIACOMO DA ORTE

S. Agostino in ginocchio dinanzi al Cristo

S. Agostino in ginocchio dinanzi al Cristo

 

 

GIACOMO DA ORTE

(1308-1311)

 

 

 

 

Il capitolo celebrato a Genova nel 1308 pose a capo dell'Ordine Giacomo da Orte, che nel 1279 studiava a Parigi, da dove ritorn˛ con il titolo di "nuovo lettore" nel 1285; ebbe in seguito incarichi di responsabi1itÓ nella sua provincia romana e a Roma fu promosso al magistero in teologia nel gennaio del 1304, perchÚ Bonifacio VIII, durante la controversia con il re di Francia, aveva privato l'UniversitÓ di Parigi del diritto di conferire i gradi accademici; Benedetto XI ex-maestro generale dei domenicani, affid˛ l'esame del laureando ad Egidio Romano.

Giacomo da Orte - dice il Friemar - "morý nel Concilio di Vienne in Francia, dove ero presente anch'io" cioŔ dopo il 1 ottobre del 1311, quando cominci˛ il Concilio. In collaborazione con i definitori del Capitolo del 1308 aveva disposto che i religiosi, che avevano conseguito il magistero a Parigi, dovevano partecipare al definitorio dei capitoli generali, se si trovavano presenti; "PerchŔ il principio della salvezza consiste nei molti consigli (v. Provo II,14) e i consigli si devono chiedere ai saggi; ed Ŕ chiaro che nella sapienza si distinguono principalmente i maestri in Sacra Scrittura. Per questo definiamo, ordiniamo e stabiliamo che nella elezione del priore generale, nella quale si deve procedere con la massima prudenza, prendano parte i maestri di sacra dottrina laureati a Parigi e che si ammettano alla stesura delle leggi con gli altri definitori del capitolo". Lo stesso diritto dovevano avere nei capitoli delle loro rispettive province e la determinazione doveva incorporarsi nelle Costituzioni "come definizione perpetua".

A Genova fu egualmente confermata una definizione capitolare del 1306 "che dice che, quando il nostro venerabile padre priore generale lascia l'ufficio, pu˛ scegliere per la propria quiete e pace il convento che preferisce, e ottenere dal priore il religioso che desidera, e che non pu˛ essere ammonito se non dal superiore generale in carica o da un suo speciale delegato" (AAug.III,81). Giacomo da Orte costituý le province agostiniane di Tolosa e di Sicilia: la prima con le case che la provincia di Provenza aveva nella contea di Tolosa e nel ducato di Aquitania: la seconda con la divisione della provincia napoletana o "del Regno".

 

 

Referenze:  CRUSENIO, Monasticon