Percorso : HOME > Archivio News > 2014 > Sala del Pellegrino

Inaugurazione sala del Pellegrino

Programma di inaugurazione delLa Sala del Pellegrino restaurata, sede della Cittadella Agostiniana di Cassago

Programma di inaugurazione della Sala del Pellegrino restaurata, sede della Cittadella Agostiniana di Cassago

 

 

INAUGURAZIONE DELLA SALA DEL PELLEGRINO

Area dei Ruderi e del Parco Monumentale a Cassago

 

 

 

PROGRAMMA DELLA INAUGURAZIONE

 

Per la comunitÓ di Cassago Brianza si avvicina il raggiungimento di un nuovo traguardo nel percorso che sta rinsaldando il proprio legame storico e popolare con la figura di Sant'Agostino di Ippona.

 

Dopo l'inaugurazione nell'agosto 2010 del Parco monumentale Rus Cassiciacum sul colle dove si presume fosse collocata la villa del grammatico Verecondo che ospit˛ Agostino fra il 386 e il 387 prima del Battesimo; dopo la conclusione dei lavori di conservazione e recupero funzionale dei ruderi del Palazzo nobiliare Visconti che ha dominato quel colle negli ultimi secoli fino agli scorsi anni Settanta, l'Amministrazione comunale ha ora il piacere di annunciare il termine dei lavori di recupero e valorizzazione della cosiddetta Sala del Camino, situata proprio presso quei ruderi.

La Sala, dominata da uno splendido camino, era nota ai contadini locali come la "Casazza" cioŔ la casa di lavoro dove si radunavano i manovali e contadini che lavoravano nella villa al servizio della nobiltÓ, fungerÓ da Sala del Pellegrino per tutti coloro che giungono a Cassago quale tappa centrale del Cammino di Sant'Agostino, percorso che interessa 14 santuari mariani del territorio fino a giungere, appunto, alla Domus Augustinii cassaghese.

La rinnovata Sala sarÓ anche punto di riferimento - grazie ad un'apposita esposizione permanente - per chiunque voglia seguire le tracce della presenza di Sant'Agostino nel Rus Cassiciacum. L'inaugurazione avverrÓ domenica 7 settembre 2014 alle ore 16 alla presenza degli On. Gian Mario Fragomeli e Roberto Rampi e dei membri del Comitato Rus Cassiciacum.

Tutti sono invitati, confidando che venga apprezzato lo sforzo dell'Amministrazione comunale di valorizzare le radici storico-culturali locali in un'ottica di promozione che potrÓ avere significativi sbocchi a livello religioso e turistico.