Percorso : HOME > Archivio News > 2019 > don Sergio Ceppi

Archivio news:  don Sergio Ceppi

La copertina del libro autobiografico di don Sergio Ceppi

La copertina del libro autobiografico di don Sergio Ceppi

 

 

SANTA MESSA:

SE GH’╚ UL SIGNUR DI CIUC GH’╚ ANCA’ UL SIGNUR DI PRET MARTUR

(Ricordi di una pastorale che fu)

Cassago, 4 ottobre 2019

Oratorio ore 20:45

 

 

 

Il volume autobiografico di don Sergio Ceppi, edito a cura della Associazione storico-culturale sant'Agostino, sarÓ presentato venerdý 4 ottobre alle ore 20:45 presso l'Oratorio di Cassago, nell'ambito delle manifestazioni che si svolgeranno nei giorni della FestivitÓ della Madonna del Rosario.

 

Il libro Ŕ argutamente presentato dallo stesso autore in questi termini:

"Questo aforisma, naturalmente di mia invenzione, faceva occhiolino da un quadretto appeso nel mio studio. Dal 1970. Nonostante vari tentativi altrui di farmelo togliere. Ora, Ŕ appeso in camera, per pudore: sono infatti troppi i curiosi che vogliono sapere cos’Ŕ. L’ho scritto di mia mano quel brutto giorno in cui ... ╚ un aforisma redatto con linguaggio birichino. Il linguaggio esatto dovrebbe essere cosý: “Per ogni situazione, c’Ŕ lo Spirito di Dio che veglia sui suoi figli, nella misura giusta che Lui solo, sa.” Per˛, io preferisco la prima versione. E sotto queste parole, voglio elencare per voi – se per caso vi interessassero – tante cosette che le giustificano. Racconter˛, ed Ŕ comprensibile, solo le cose meno disonorevoli per me. Infatti in 60 anni e passa di vita da prete, me ne sono capitate tante e altrettante ne ho combinate, per cui, se da una parte ho ricevuto elogi, dall’altra ho ricevuto anche rimbrotti. Sia dalla gente che dai Superiori. E sono in attesa di quel che mi dirÓ il buon Dio. Penso proprio che non sarÓ una cosa piacevole. Ho volutamente usato molte parole in dialetto e molti dialettismi. Se no, che parroco di campagna sarei stato? Per di pi¨, la mia prima Parrocchietta era – a detta di tutti – abbandonata da Dio e dagli uomini e la seconda – a detta di un alto personaggio della Curia - era “selvatica”. Tutto umile, come l’umile dialetto. Come l’umile campagna. Se volete arrivare fino in fondo nella lettura, armatevi di un pizzico di ottimismo, di umorismo, di pazienza, di comprensione e di simpatia. Cosý il men¨ Ŕ fatto."