Percorso : HOME > Africa agostiniana > Siti archeologici > Sidi Gharib

AFRICA ROMANA: Sidi Gharib

Mosaico con riferimenti marini

Mosaico con volute di alloro che incorniciano animali, dei e marinai del mare

 

 

SIDI GHARIB

 

 

 

Borj el-Amri (a 29 km da Tunisi) Ŕ un villaggio dove, in localitÓ Sidi Gharib, sono state portate alla luce terme private di etÓ romana annesse a una villa edificata in aperta campagna a una trentina di km da Cartagine.

L'edificio si organizza attorno a un frigidarium di forma rettangolare, fiancheggiato su due lati da un bacino che a nord Ŕ chiuso da un corridoio dotato di due ingressi simmetrici e aperto su un'abside assiale; a sud si dispongono tre ambienti, di cui il principale (calidarium) Ŕ provvisto di piscine. Le terme sono pavimentate da bellissimi mosaici del IV secolo, le cui raffigurazioni hanno come tema centrale il mondo marino. Un'incoronazione di Venere (o Nereide con diadema) su un leone marino occupa l'abside; al di sotto, ai lati del corridoio, si sviluppa in due riquadri un corteo di Nereidi e Ittiocentauri.

La sezione centrale del corridoio e del frigidarium Ŕ coperta da un vasto mosaico (14,5 m per 5) articolato in sette registri: mostri marini sono cavalcati da Nereidi e Tritoni, Ittiocentauri con Venere accompagnano le nozze di Nettuno e Anfitrite; ai quattro angoli del frigidarium altrettanti pannelli sono decorati da figure allegoriche (forse le Quattro Stagioni).