Percorso : HOME > Associazione > AttivitÓ > Cassago: Album

2022: Album

Percorsi guidati: Visita al Rus Cassiciacum di sant'Agostino

Percorsi guidati: Visita al Rus Cassiciacum di sant'Agostino

 

 

ALBUM - Brianza Paesaggio Aperto

RUS CASSICIACUM: il parco archeologico Sant'AGOSTINO

 

Cassago, domenica 9 ottobre

ore 14.30 p. za della Chiesa

 

 

 

Album - Brianza Paesaggio Aperto Ŕ il nome del progetto che dal 2021 in poi si compone di numerose proposte culturali, tutte dedicate alla Brianza e tutte ispirate all'opera artistica e al mondo di Alessandro Greppi. Conoscere Alessandro vuol dire conoscere la Brianza. PerchÚ questa figura di nobile con la passione per il disegno e la scrittura ha legato la sua vita e la sua attivitÓ di artista a questa terra. ╚ davvero un ALBUM, raccoglitore di storia, di memorie, di racconti, di immagini. Quelle disegnate da Alessandro, nel suo incessante andare lungo sentieri e riempire taccuini di schizzi, istantanee di un'epoca che hanno immortalato scene di vita quotidiana, edifici religiosi e nobiliari, scorci di paesi, panorami e angoli di natura. Un album da riempire anche e soprattutto con nuove visioni di paesaggio, le nostre, grazie a itinerari che ci consentiranno di godere dell'atmosfera suggestiva che ancora la Brianza riesce a far vivere, ripercorrendo i sentieri di Alessandro Greppi a piedi, in un cammino lento, per fermarci in luoghi d'arte e di storia, partecipare a eventi culturali, che spazieranno dal teatro alla musica, dalla letteratura alla pittura.

Vero protagonista del nostro andare e del nostro scoprire Ŕ il PAESAGGIO, un paesaggio "aperto". Frutto di grandi trasformazioni, spesso sconvolgenti e irrispettose che il processo di antropizzazione ha causato, in un veloce sviluppo socio-economico iniziato proprio ai tempi di Alessandro Greppi, continua ad essere in balia delle nostre scelte, ma aperto a tutte le possibilitÓ. Tra queste quella di essere "visto" davvero, in modo attento e di essere "ascoltato".

 

ALBUM - Brianza Paesaggio Aperto continua con un nuovo calendario che celebra la fine dell'estate e che accoglie l'autunno con i suoi colori e l'inverno con la sua aura eterea. Un calendario ricco di appuntamenti, dalle mostre delle opere di Alessandro Greppi, ai percorsi guidati, dai concerti ai laboratori tra poesia e fotografia e poi ancora incontri letterari, eventi di teatro e conferenze d'arte.

Anche in questa parte del 2022, la tematica del viaggio resta il filo conduttore che tiene uniti i vari eventi. Viaggio in tutte le sue forme, dal viaggio di scoperta del nostro territorio, che ancora una volta ci porta a guardare con occhi nuovi il paesaggio in cui viviamo, a quello della mente, seguendo le mappe del pensiero e dell'animo umano, fino al viaggio della crescita umana, con interventi di approfondimento e di racconto dell'infanzia e dell'adolescenza. Viaggeremo con le opere di Alessandro Greppi per le diverse parti d'Italia, ci incammineremo lungo sentieri per le colline della Brianza e conosceremo alcune regioni del nostro Paese attraverso le opere letterarie che le hanno raccontate.

Ci muoveremo sulle ali della poesia, toccando terre lontane nel mondo e dentro di noi e ci lasceremo trasportare dalla musica per non smettere di viaggiare. Guarderemo ci˛ che ci circonda con una nuova attenzione, scatteremo fotografie che ci parleranno del nostro territorio e della sua anima e ci riscopriremo artisti di fronte ad angoli inaspettati della Brianza.

 

Alessandro Greppi

Nasce il 23 gennaio del 1828 in una delle famiglie nobili milanesi pi¨ in vista della Lombardia ottocentesca: suo padre, il Conte Antonio II Greppi e sua madre, la contessa Teresa Trotti Bentivoglio Greppi, occupavano nella societÓ di allora una posizione privilegiata e intrattenevano rapporti molto stretti con la casa d'Austria. Studi˛ pittura a Brera e spos˛ nel dicembre 1862 Giustina Sormani Andreani (i Sormani Andreani possedevano il palazzo sui Navigli, oggi sede della Biblioteca Comunale). La coppia non ebbe figli. Nel 1857 fu tra i fondatori, a Milano, d'una prima SocietÓ delle Corse (a cavallo). Fu a lungo membro a Milano di vari Asili di CaritÓ oltre che consigliere della SocietÓ per le Belle Arti e Permanente, nonchŔ amministratore del Santuario di S. Carlo in corso Italia a Milano, come testimoniato anche da una lapide marmorea affissa nell'atrio monumentale della chiesa. Negli ultimi anni della sua vita fu eletto sindaco di Griante, piccolo paese sul lago di Como, dove la famiglia possedeva una casa di villeggiatura. Si spense, novantenne, il 15 febbraio del 1918.

Senza impegni "professionali" particolari, Alessandro passava il tempo leggendo e viaggiando, con e senza Giustina: sempre disegnando, con svariate tecniche, annotando cosý uomini, cose e paesaggi che incontrava e lo attorniavano, spesso con una buona dose di vena ironica. La passione per la pittura e il disegno e la capacitÓ di descrivere e raccontare con inusuale ironia il proprio mondo hanno avuto un ruolo importante nella sua vita e sono stati gli strumenti efficaci con i quali un'epoca lontana da noi ancora oggi riesce a rivivere. I viaggi, la cittÓ di Milano e le giornate di fine estate a Casatevecchio hanno costituito per lui un immenso bacino di ispirazione per schizzi e dipinti e per puntigliosi e divertenti resoconti affidati alle pagine dei suoi taccuini.

 

 

I percorsi guidati PAESAGGI DI BRIANZA

Tra l'Adda e il Lambro, le colline della Brianza lecchese regalano un paesaggio vario, verdeggiante, dove si distribuiscono numerosi nuclei abitati, si snodano sentieri nascosti, si conservano luoghi d'arte che sono traccia di un antico passato e che possono diventare tappe di un percorso di scoperta.

In programma sei percorsi per conoscere il nostro territorio, lungo i sentieri giÓ percorsi a piedi da Alessandro Greppi. Un cammino lento che costituisce il modo ideale per vivere l'atmosfera delle colline briantee, facendo tappa per visitare le testimonianze della ricca stratificazione storica e culturale della Brianza, dai reperti di archeologia ai monumenti d'arte medievale, dal fascino del fiume Adda ai nuclei rurali sparsi nella campagna ancora con vocazione all'agricoltura.