Percorso : HOME > Associazione > AttivitÓ > 1978: Festa S. Agostino

1978: Festa di S. Agostino

don Ambrogio Giussani

don Ambrogio Giussani

 

FESTA DI SANT'AGOSTINO

dal Notiziario Parrocchiale, anno V, n. 53 settembre 1978

 

 

 

L'Associazione S. Agostino si Ŕ impegnata per dare un particolare rilievo al santo cittadino. Il triduo di predicazione alle 9 ebbe una notevole frequenza, dovuta anche alla coincidenza dei preparativi del Conclave.

Certo si Ŕ notato che molti cassaghesi erano ancora in ferie: tuttavia per quanti si erano sentiti spinti dallo spirito di ź conversione ╗ che un giorno, qui a Cassago anim˛ la vita di Agostino, hanno avuto la possibilitÓ di rinnovarsi.

La S. Messa solenne fu celebrata da Don Ambrogio Giussani, illustre nostro concittadino, Parroco di Bolladello, che si Ŕ manifestato particolarmente commosso nel rivolgere la sua parola ai fedeli coi quali aveva condiviso la sua giovinezza.

I nostri cantori hanno accompagnato le funzioni con appropriata preparazione e scelta di melodie. Dopo il panegirico, ampio e attuale su S. Agostino, l'Amministrazione comunale ha presentato l'offerta dell'olio che alimenterÓ la lampada votiva posta davanti all'altare del Santo.

Tutta l'assemblea in piedi e con partecipata soddisfazione ha ascoltato le parole del sig. Sindaco, Gaetano Sala:

źDinnanzi a Dio

che illumina le menti degli uomini, noi, responsabili dell'ordine civile, promotori del benessere sociale, offriamo all'altare di S. Agostino, l'olio per la lampada votiva, quale segno di fraternitÓ

e di solidarietÓ fra tutti i cittadini.

S. Agostino conforti i nostri sforzi

e ci protegga da ogni male. Amen ╗.

Quindi accendeva la lampada che veniva innalzata all'altezza della nicchia.

L'altare splendente di fiori e di lumi dava risalto alla Reliquia solennemente esposta per tutta la giornata. L'Associazione offriva alle auto- ritÓ un rinfresco nella sala del museo.

Al pomeriggio l'incontro di preghiera ha voluto ricostruire idealmente una giornata di Agostino durante il suo soggiorno nel lontano 386-387 a Cassago: preghiere, lettura della Scrittura, canti dei salmi.

L'invocazione al Santo e la benedizione con la santa Reliquia concludeva la giornata festiva.