Percorso : HOME > Associazione > Pubblicazioni > Rus Cassiciacum

rus cassiciacum archeologia e storia

 La coperttina del volume

 

 

 

AA. VV.

RUS CASSICIACUM, ARCHEOLOGIA E STORIA

 

 

I manufatti litici di Cassago, Mario Viscardi

Il paesaggio della Brianza in etÓ romana, Lanfredo Castelletti

Cronaca delle scoperte archeologiche avvenute a Cassago, FIORENZO MORESCHI

Le popolazioni celto-galliche lombarde e i loro rapporti con la civiltÓ romana nel II-I secolo a. C., Ivo Rigamonti 

La tomba del Crotto, Fabio Ratti

La lavorazione del ferro alla Pieguzza, Raffaele Balzano

Alcune note sulla ceramica preromana della Pieguzza, Bruno Lorefice

Le popolazioni galliche preromane nella storiografia dell'antichitÓ classica, Mario Colnago

La necropoli di via S. Marco a Oriano, Sandro Pozzi

L'epigrafia del Rus Cassiciacum, Giuseppina Besana

La villa di Verecondo nei Dialoghi di S. Agostino tra storia ed archeologia, Luigi Beretta

Aspetti della romanitÓ di Cassago, Davide Pace

I sarcofagi, Pia Confalonieri

La seconda vasca di etÓ romana scoperta alla Pieguzza, Isabella Nobile De Agostini

I reperti faunistici della cisterna della Pieguzza, Polydora Baker

I microvertebrati della cisterna della Pieguzza, Silvia Di Martino

La tomba del Maggiolino, Carlo Amati

Cronologia del IV secolo d. C. 

 

VEXATA QUAESTIO

Gli scrittori lombardi dal '300 al '600 e il Rus Cassiciacum

Lettera al Signor Poujoulat, Alessandro Manzoni

Sant'Agostino a Cassago Brianza sul Milanese in ritiro di sette mesi, Luigi Biraghi

Memoria interessante pel villaggio di Cassago e per la Brianza, Antonio Gioletta

Di alcune forme de' nomi dell'Italia Superiore, dissertazione linguistica, Giovanni Flechia

Della villa dove avrebbe soggiornato santo Aurelio Agostino in Lombardia, Carlo Salvioni

La controversia del Rus Cassiciacum, Filippo Meda

Dov'Ŕ finita la questione di Cassiciacum? dom Germain Morin

Il Rus Cassiciacum di S. Agostino, Rinaldo Beretta

Dov'era Cassiacum il luogo di ritiro di Agostino convertito, F. CayrÚ

Cassago e Casciago, Dante Olivieri

Cassiciacum, Othmar Perler

Da Rus Cassiciacum a Cassago Brianza, Pasquale Cattaneo

 

Il libro introduce importanti novitÓ, che propongono un radicale aggiornamento della questione del rus Cassiciacum di sant'Agostino. Un aggiornamento che Ŕ tanto pi¨ significativo in quanto per la prima volta viene affrontato con ricchezza di indagini e di risultati l'aspetto archeologico, il solo che possa completare con una parola definitiva ed esaustiva gli innumerevoli contributi linguistici, toponomastici e storici di oltre due secoli di studi.

Questo aspetto archeologico Ŕ fondamentale, perchÚ permette di verificare concretamente la storicitÓ del rus Cassiciacum e quali sono le condizioni necessarie per la sua identificazione, compensando e superando in tal modo gli intrinseci limiti della "tradizione", della storiografia e della linguistica. 

Le relazioni pubblicate, che, assieme ai numerosi contributi pervenuti durante la Settimana agostiniana, sono state riportate nella omonima sezione I Romani a Cassago, hanno finalmente definito un quadro storico generale da cui emerge prepotentemente il rus Cassiciacum e tutto il lungo cammino che ha accompagnato le sue vicende storiche a partire dai primi insediamenti del neolitico nel 3000 a. C. circa, attraverso l'etÓ gallo-celtica, fino all'etÓ romana, repubblicana, imperiale e tardo barbarica.

I dati archeologici confermano quanto la "tradizione" aveva sempre sostenuto: Cassago Ŕ l'odierno rus Cassiciacum. Lasciamo al lettore il gusto di scoprire le ragioni moderne di questa identificazione grazie alle affascinanti e lucide esposizioni archeologiche degli studiosi.

Allo stesso modo invito i lettori ad una attenta lettura della sezione Vexata Quaestio, che riporta i pi¨ significativi ed autorevoli interventi sulla localizzazione del rus Cassiciacum di questi ultimi secoli. Le opinioni e le ipotesi ivi formulate mantengono immutato, anche a distanza di anni, il vigore della loro valenza culturale. La sezione finale del volume riporta infine vari brani tratti direttamente dai testi agostiniani, che ricordano in vario modo la villa di Verecondo, l'ambiente, il paesaggio, le abitudini del rus Cassiciacum. 

Si tratta di una fresca testimonianza di un'esperienza spirituale che rimase vivissima nel cuore e nei ricordi di Agostino: spetta a noi rinnovarne l'intensitÓ emotiva e l'entusiasmo, spetta a noi in particolare tramandarlo in perpetuo, a noi che una benevole provvidenza ha fatto nascere e ha permesso di vivere proprio nel rus Cassiciacum, lÓ dove sono maturate le grandi linee del pensiero teologico di tutto il mondo occidentale.

 

1995 Formato 21 x 30 rilegato pp. 320