Percorso : HOME > Cassiciaco > Brianza Romana > Rogeno

brianza romana: Rogeno

Il masso a coppelle scoperto il localitÓ delle Capriate

Il masso a coppelle scoperto il localitÓ delle Capriate

 

 

ROGENO

 

 

 

 

 

Torbiera Maggiolino

Precedentemente al 1864 furono rinvenuti alcuni frammenti ceramici (due orli, pareti e un fondo), alcuni strumenti litici (una scheggia ritoccata, una lama troncata, una lama non ritoccata), numerosa fauna ed un frammento di tronco di legno. Datazione: Neolitico e Antica etÓ del Bronzo. Reperti conservati al Civico Museo Archeologico di Milano (Castello Sforzesco.

 

 

Cascina Colombara

Nelle vicinanze del torrente Bevera, precedentemente al 1876 fu rinvenuto un nucleo di selce che reca le tracce di stacchi di lame. Probabilmente risale al Neolitico. Reperti conservati al Civico Museo Archeologico di Milano (Castello Sforzesco - A 18090).

 

 

LocalitÓ Casletto

A 500 m dalla sponda del lago di Pusiano, sul confine con Garbagnate Rota, presso Ia stradina a ovest del cimitero. ai primi del 1900 fu localizzata una pietra con coppelle. Datazione imprecisabile. Conservata ai Musei Civici di Lecco.

 

 

Capriate

Un grosso masso venne rinvenuto a marzo 2012 nei pressi delle Capriate, all'interno di un terreno privato oggi di proprietÓ della famiglia Ratti. Riposizionato all'interno del giardino, il masso a coppelle ancora oggi occupa una posizione sommitale all'interno del balcone naturale che domina Rogeno. Ad un’osservazione attenta la lavorazione delle coppelle ricorda molto da vicino quelle ritrovate recentemente su alcuni sassi in Valle d’Aosta, in localitÓ Lillianes, dove gli studiosi negli ultimi anni hanno riscontrato grande somiglianza tra la distribuzione dei solchi e la posizione delle Pleiadi nella volta celeste. Data la mancanza di studi circa la presenza di coppelle in Brianza non Ŕ possibile avanzare ipotesi di carattere scientifico, malgrado il fascino esercitato da questi reperti continui a destare sempre nuove teorie selle loro origini.