Percorso : HOME > Cassiciaco > Vexata quaestio > Attilio Zuccagni

Attilio Zuccagni: Corografia antica dell'Italia

La copertina del libro di Attilio Zuccagni

La copertina del libro di Attilio Zuccagni

Il testo del libro di Attilio Zuccagni a pag. 126

Il testo del libro di Attilio Zuccagni a pag. 633

 

 

 

COROGRAFIA FISICA, STORICA E STATISTICA DELL'ITALIA E DELLE SUE ISOLE CORREDATA DI UN ATLANTE DI MAPPE GEOGRAFICHE E TOPOGRAFICHE, E DI ALTRE TAVOLE ILLUSTRATIVE

 

di ATTILIO ZUCCAGNI-ORLANDINI

VOLUME QUINTO

FIRENZE PRESSO GLI EDITORI

1844

ITALIA SUPERIORE O SETTENTRIONALE - PARTE III, - REGNO LOMBARDO-VENETO COROGRAFIA FISICA, STORICA E STATISTICA DEL REGNO LOMBARDO

 

 

 

 

DISTRETTO DI MISSAGLIA

- ž 26

 

Fino all'anno 835 rimontano le memorie che si hanno di questo borgo, omonimo al Distretto di cui Ŕ capoluogo. Era esso nel medio evo una delle 12 pievi della Martesana; ed in oggi possiede una chiesa plebana che ha giurisdizione sopra 21 figliali. Vi si rammenta lo zelo apostolico con cui S. Bernardino da Siena predicava contro gli eretici su quella piazza del mercato, ove non ha guari esisteva il pulpito di sasso, testimonio del fervore che spinse gli uditori ad inveire con pietre contro gli eterodossi ivi presenti.

Non lungi da Missaglia, nel 1485 Lodovico Carcano da Lomazzo fond˛ il monastero della Misericordia, attualmente soppresso. Barzan˛, giÓ feudo de Vescovi Comaschi, offre una piccola ma antica chiesa di S. Salvatore, avente nel mezzo un separato battistero, secondo il rito vetusto. Vi si ammirano la molto estesa villa Pirovano e la casa dei Nava, poste in gran parte sulle rovine del castello che i Milanesi presero e demolirono nel 1222. Cassago ha fama di essere l'antico Cassigiaco, ove Sant'Agostino nel 387 si ritir˛, per prepararsi al battesimo che poi ricevette in Milano da Sant'Ambrogio.

In Cernusco Lombardone vedesi una magnifica chiesa intitolata a S. Gio. Batista, riedificata sopra un'antica di longobardica fondazione. La sua popolazione fu intieramente distrutta nel 1629 dalla peste recatavi dall'esercito imperiale.