Percorso : HOME > Cassiciaco > Brianza Romana > Carate

brianza romana: Carate

Capitello romano con delfini nella basilica romanica di san Pietro ad Agliate

Capitello romano con delfini nella basilica romanica di san Pietro ad Agliate

 

 

CARATE

 

 

 

 

 

Gli insediamenti e le tracce della romanitÓ che si sono trovate a Carate e intorno a Carate sono notevoli. Uno dei pi¨ grossi insediamenti venuti alla luce Ŕ quello di Mariano Comense dove insieme ai resti degli edifici che costituivano l'antico vicus, Ŕ stata scoperta anche la necropoli con pi¨ di 220 sepolture.

A Biassono sono affiorate le tracce della villa romana di S. Andrea con una grande cisterna per la raccolta delle acque e un źtesoro╗ con oltre 2000 sesterzi.

Ancor pi¨ vicine a Carate sono i mosaici della villa romana di Robbiano di Giussano e la vicina necropoli di Cascina Gallazza, tra Robbiano e Verano.

A Capriano e a Brugora sono stati trovati, e ancora oggi si rinvengono, depositi di materiali di scarto provenienti da fornaci romane, organizzate con lavorazioni semi industriali.

Nel territorio caratese i rinvenimenti di materiali e testimonianze romane si sono avuti ad Agliate, alla Costa e a Realdino.

 

 

 

Tracce dei primi insediamenti wurmiani al Lambrodeno

Proprio sopra questo costone, che delimita il terrazzo fluviale dietro al cimitero di Carate, alcuni anni fa furono rinvenuti casualmente alcuni utensili di selce lavorata che sono stati genericamente datati all'etÓ del Bronzo e testimoniano una fase insediativa, presente in tutte le culture, caratterizzata dall'aver il perimetro naturalmente delimitato e difeso da scoscendimenti. La localitÓ Ŕ strategicamente importante perchÚ posta a controllo del guado del fiume, naturalmente difesa da due lati dalla ripiditÓ della costa e fornita abbondantemente di fresche acque sorgive.

  APPROFONDIMENTO

Il pianoro Ŕ noto col toponimo di Lambrodeno, meglio, nel nostro dialetto, Lambradu. GiÓ lo svolgimento etimologico di questo toponimo, rafforzato dalla pronuncia locale terminante in u, dovrebbe metterci sull'avviso circa la strategica importanza del sito.

Le due parole che lo compongono, Lambro-dunum non lascerebbero dubbi sulla sua definizione: altura o recinto sul Lambro. Il luogo Ŕ dunque un punto di passaggio obbligato e qui dovevano convergere pi¨ vie che congiungevano la pianura occidentale alla Brianza collinare, selvaggia e boscosa, ma che doveva essere percorsa per i collegamenti verso oriente e verso le montagne ricche di metalli.