Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Quattrocento > Ms. 1483 di Boston > Liutprando a Genova

CICLo AGOSTINIANo della VITA SANCTI AUGUSTINI IMAGINIBUS ADORNATA

Re Liutprando riceve le spoglie di Agostino a Genova, immagine tratta dalla Vita sancti Augustini

Re Liutprando riceve le spoglie di Agostino a Genova

 

 

VITA SANCTI AUGUSTINI IMAGINIBUS ADORNATA

1450-1490

Ms. 1483, Boston, Public Library

 

Re Liutprando riceve le spoglie di Agostino a Genova

 

 

 

Una barca senza albero maestro nÚ vela riprende la via del mare con il corpo di Agostino sorvegliato da tre monaci. La costa di destra indica la terra che sarÓ raggiunta: Portus Januensis, cioŔ Genova raffigurata entro due torri. Il re Liutprando, Liutprandus rex, riconoscibile per la sua corona e la spada, sta per ricevere la sacra reliquia del corpo di Agostino. Sta inginocchiato con due compagni di cui uno porta gli speroni. Le teste dei loro cavalli appaiono pi¨ indietro.

Il testo ricorda l'episodio con queste parole:

Ibi venerabile corpus beati Augustini, postquam in Sardiniam usque ad ducentesimum octogesimum obitus sui annum iacuerat, Luitprandus rex Lumbardorum audiens Sardiniam a Sarracenis depopulatam et quod locus venerabilis in quo beatus Augustinus diu honorifice latuerat contemptui haberetur, misit sollempnes legatos cum auro et argento ad magnatas istius terre, orans et obsecrans ut prece uel precio uel quocumque artis ingenio reliquias sanctissimi Augustini Papyam deferrent. Qui magno precio dato corpus almificum Augustini transtulerunt et ipsum usque ad litus Januensium deportauerunt. Quod deuotus rex audiens usque predictam ciuitatem cum magno exercitu eidem obuiauit et sanctum illud corpus flexis genibus ruens in faciem humiliter adorauit ac reuerenter accepit, In cuius presencia multa illuc Deus miracula per beatum Augustinum operatus est. Hec ex legenda famosa. Capitulum CXVII.

La scena Ŕ ricordata nella Historia Langobardorum di Paolo Diacono e da Beda il Venerabile nella sua Chronica.

 

Beda il Venerabile, nato verso il 672-673, ci ha lasciato una descrizione dell'episodio relativo alla traslazione delle spoglie di Agostino. Beda verso i trent'anni fu ordinato sacerdote e pass˛ l'intera vita nel doppio monastero di Jarrow e Wearmonth, fondati nel 674 da Benedetto Biscop.

Beda, che morý nel 735, Ŕ assieme a Isidoro la massima figura di erudito dell'alto medioevo e divenne uno dei padri di tutta la cultura posteriore. Fu autore di opere pregevoli e famose presso i suoi contemporanei come la Historia ecclesiastica gentis anglorum o la Chronica, in cui descrive i fatti relativi alle reliquie di Agostino, fatti di cui ebbe diretta conoscenza: "Non pertanto Liutprando, impazientissimo da tutte parti faceva molti preparativi solenni: e subito che seppe l'esito felice, non potendo pi¨ contenere la gioia, corse a Genova all'incontro di quelle reliquie accompagnato dalla maggior parte della sua soldatesca e da molti vescovi, preti e nobili e da popolo innumerabile e tutti a gara mostravano la maggior allegrezza possibile. Subito, viste da lontano le sante reliquie, si prostr˛ con la faccia a terra, venerando per lungo tempo e nella pi¨ profonda umiltÓ il glorioso corpo di Agostino, che ricevette anche con pi¨ rispetto, in quello stesso luogo (vicino a Cortona) la presenza del suo servo con prodigi stupendi."

BEDA IL VENERABILE, Chronica