Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Quattrocento > Ms. 1483 di Boston > Impone la mani a un malato

CICLo AGOSTINIANo della VITA SANCTI AUGUSTINI IMAGINIBUS ADORNATA

Agostino impone la mani a un malato, immagine tratta dalla Vita sancti Augustini

Agostino impone la mani a un malato

 

 

VITA SANCTI AUGUSTINI IMAGINIBUS ADORNATA

1450-1490

Ms. 1483, Boston, Public Library

 

Agostino impone la mani a un malato

 

 

 

In questa occasione Agostino porta la mitra in testa ed il mantello. Benedice un malato disteso sul letto. Il malato porta in testa un cappello ed ha le mani distese sulle lenzuola. Ha il petto nudo e coperto dalle lenzuola. Un grande cuscino gli solleva la testa. La scena Ŕ spoglia e priva di particolari ridondanti.

Ibi sanctus Augustinus pupillos et uiduas in tribulacione constitutos et egrotantes postulatus visitauit eisque supplicibus manus imponens facta oracione infirmitatem eorum sanauit. Acceperat enim donum curacionis ab eis que dixit: źSuper egros manus imponent et benehabebunt.╗ Hoc Possidonius. Capitulum LXXXXIIII.

 

Il malato va seguito con amore nel corso della sua malattia da un fratello infermiere, che non farÓ mancare nulla di quanto Ŕ necessario e utile, su consiglio o decisione del medico, per riacquistare la salute. Se fosse necessario qualche trattamento particolare, per il bene del malato, va fatto anche se il malato non lo volesse. Il malato va seguito anche oltre la fase critica della malattia, durante tutta la convalescenza, fino al totale ripristino della salute. Raggiunto questo, l’ex malato deve adattarsi di nuovo al modo di vivere della comunitÓ, senza privilegi. Ai malati sono equiparati, almeno nel primo periodo di tempo, anche coloro che provengono da classi pi¨ agiate o che hanno una salute pi¨ delicata: per questi si debbono fare eccezioni nei cibi, nelle vesti, nei lavori, fino a che non si abituano allo stile di vita semplice e povero del resto della comunitÓ. I pi¨ forti non debbono essere gelosi del miglior trattamento riservato ai pi¨ deboli o delicati, perchÚ – afferma Agostino – Ŕ meglio avere meno bisogni che pi¨ cose.

AGOSTINO, Regula ad servorum Dei