Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Quattrocento > Historia Augustini > Monica chiede di tornare in Africa

CICLo AGOSTINIANo della Historia Augustini

Monica chiede ad Agostino di tornare in Africa, immagine tratta dalla Historia Augustini

Monica chiede ad Agostino di tornare in Africa

 

 

HISTORIA AUGUSTINI

1430-1440

Manoscritto 78A 19a Kupferstichkabinett di Berlino

 

Monica chiede ad Agostino di tornare in Africa

 

 

 

Due monaci conversano a sinistra: al loro fianco Monica con le mani giunte implora Agostino, seduto con un compagno davanti all'entrata della cappella. Sembra che Agostino non presti nessuna attenzione alla madre, anzi pare che si rivolga piuttosto conversando al monaco che gli sta a fianco.

 

Tu che fai abitare in una casa i cuori unanimi, associasti alla nostra comitiva anche Evodio, un giovane nativo del nostro stesso Municipio. Agente nell'amministrazione imperiale, si era rivolto a Te prima di noi, aveva ricevuto il battesimo e quindi abbandonato il servizio del secolo per porsi al tuo. Stavamo sempre insieme e avevamo fatto il santo proposito di abitare insieme anche per l'avvenire. In cerca anzi di un luogo dove meglio operare servendoti, prendemmo congiuntamente la via del ritorno verso l'Africa. SenonchÚ presso Ostia Tiberina mia madre morý. Molte cose tralascio, perchÚ ho molta fretta. Accogli le mie confessioni e la mia gratitudine, Dio mio, pur nel silenzio di infinite cose. Ma non ometter˛ neppure una delle parole che mi partorisce l'anima intorno a quella tua servitrice, a lei che mi partorý con la sua carne alla luce del tempo e a quella dell'eterno col suo cuore. Non dei suoi doni dir˛ ma di quelli che tu hai fatto a lei. Certo non s'era fatta o allevata da sola: sei tu che l'hai creata, e nÚ suo padre nÚ sua madre sapevano quale donna sarebbe venuta da loro. E al tuo timore l'educ˛ il bastone del tuo Cristo, la disciplina del tuo figlio unico, in una casa di credenti che era una parte sana del corpo della tua chiesa. Tuttavia non era sua madre che lodava per la cura con cui era stata allevata, ma una sua fantesca decrepita, che aveva tenuto sulle spalle suo padre bambino come fanno le ragazze un po' pi¨ grandi cui s'affidano i piccoli. Per questo e per la sua maturitÓ e il suo comportamento irreprensibile godeva di un certo rispetto da parte dei padroni di una casa cristiana.

AGOSTINO, Confessioni 9, 8, 17

 

 

Agostino allora torn˛ nei suoi possedimenti e perseverava nella mortificazione nelle opere di bene, scriveva libri ed istruiva gli ignoranti nella fede. La sua fama si divulgava dappertutto, e le sue opere ed i suoi scritti lo facevano ammirare da tutti.

JACOPO DA VARAGINE, Legenda Aurea