Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Ottocento: Maestro di Croissy

PITTORI: Maestro di Croissy

Agostino vescovo e cardioforo

Agostino vescovo e cardioforo

 

 

MAESTRO DI CROSSY

1882

Croissy-sur-Seine, chiesa di san Leonardo

 

Agostino vescovo e cardioforo

 

 

 

Lungo la navata della chiesa si susseguono numerose finestre che riproducono vari santi, fra cui questo sant'Agostino, come recita la scritta in pedice SAINT AUGUSTIN. Il nostro personaggio Ŕ stato raffigurato a figura intera, ritto in piedi nelle sue vesti episcopali. Non porta la mitra in testa, che invece Ŕ deposta ai suoi piedi in segno di umiltÓ. Il volto ha un aspetto anziano e nello stesso tempo autorevole. Un grande nimbo giallo gli avvolge il capo proclamandone la santitÓ. Nella mano sinistra regge un sottile bastone pastorale, mentre con la mano destra tiene nel palmo un cuore fiammante. Agostino trasmette al fedele che lo osserva una forte capacitÓ attrattiva. Una serie di simboli floreali fa da corona all'immagine principale della vetrata. una architettura a colonne stilizzata fa da cornice alla figura del santo, che Ŕ sormontata da un arco con edifici e torri.

 

La chiesa di san Leonardo Ŕ una delle chiese parrocchiali di Croissy-sur-Seine , nell'╬le-de-France.

L'edificio fu costruito dal 1881 al 1882 dagli architetti Maurice Achille Delarue e suo padre Jean Franšois Delarue, specialisti in chiese neo-gotiche (soprattutto quella di St. Cloud, personalmente finanziata da Napoleone III). L'appaltatore fu M. Morin, mentre le volte vennero eseguite da Pothin, edile a OrlÚans, secondo il sistema di volte Heurteau e archi in mattoni stampati rivestiti con intonaco colorato con giunzioni di apparati che imitano la pietra. La chiesa venne consacrata nel 1882 da Mons. Goux.

Situata non lontano dal municipio, la chiesa di san Leonardo Ŕ una sintesi degli stili architettonici del Medioevo. Presenta uno stile composito che combina la struttura gotica con elementi decorativi romanici, gli suoi archi ciechi, il rosone e le sue finestre gemelle lo rendono uno stile architettonico condensato del Medioevo. I volumi della navata e delle navate sono molto semplici, solo il campanile (costruito nel 1892) conferisce all'edificio una dimensione urbana. Questo campanile fu aggiunto grazie a un lascito di un ricco abitante del luogo, il visconte di Wailly. La navata Ŕ priva di transetto.

La facciata occidentale Ŕ costituita da un portale ad arco su piccole colonne, sormontato da un grande rosone. Le facciate nord e sud sono scandite da una serie di finestre e contrafforti semicircolari.