Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Ottocento: Maestro di Dublino

PITTORI: Maestro di Dublino

Nicola da Tolentino incoronato dalla Vergine e da Agostino nella chiesa di sant'Agostino a Dublino

Nicola da Tolentino incoronato dalla Vergine e da Agostino

 

 

MAESTRO DI DUBLINO

1885-1895

Dublino, chiesa di sant'Agostino

 

Nicola da Tolentino incoronato dalla Vergine e da Agostino

 

 

 

Al centro le mosaico si staglia la figura di san Nicola da Tolentino all'interno di una mandorla. Il santo, che appoggia i piedi su un globo azzurro che rappresenta la terra Ŕ ritto in piedi e tiene nella mano sinistra un gran libro aperto dove si pu˛ leggere DEUS CERTANTEM SPECTAT DEFICIENTEM SUB LEV ET VINCIT: ITEM CORONATUS D. AGUSTIN. SUPER PASLMUM XXXV. In alto nei cieli, sopra due nuvole, la Vergine ed Agostino porgono una doppia corona sul capo di san Nicola. Sopra la testa di Nicola appare in un fulgore di luce la colomba dello Spirito Santo. Sul petto di Nicola rifulge il sole raggiato, un simbolo che lo identica in modo univoco.

Questa duplice incoronazione di san Nicola da Tolentino con Agostino e la Vergine appartiene a un mosaico che si trova nell'abside dietro l'altare maggiore della chiesa di sant'Agostino a Dublino. In questo mosaico il riferimento nel testo ad Agostino sottolinea la stretta osservanza di Nicola alla regola dell'Ordine agostiniano. Questo mosaico Ŕ una testimonianza della incoronazione del Santo: le corone, di colori diversi, sono disposte in senso verticale una sopra l'altra e intendono proclamare la particolarissima condizione di san Nicola quale vergine e dottore. La presenza del demone a sinistra, incatenato e bruciato dalle fiamme, che egli schiaccia sotto i piedi, serve in questo ambito artistico a giustificare l'intenzione dei monaci eremitani di sostenere che il Santo merit˛ la corona dei martiri. Probabilmente essi facevano riferimento all'episodio agiografico in cui santo venne picchiato a sangue dal diavolo. Agostino Ŕ qui raffigurato come vescovo mentre vola reggendo, assieme alla Vergine, due corone sul capo di Nicola. Il santo vescovo Ŕ stato raffigurato con un viso maturo, quasi da persona anziana, con una folta barba che gli copre il viso. In testa porta la mitra che Ŕ avvolta dal nimbo dei santi. A destra di Nicola, incatenata al diavole, se ne sta in ginocchio una giovane donna che raffigura le tentazioni del monda, che Nicola seppe vincere.

Purtroppo questi mosaici a volte non ricevono l'attenzione che meritano a causa della estrema brillantezza delle finestre, degli archi e e dei pilastri che svettano con grazia e maestria.