Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Ottocento: Intagliatore di S. Jeronimo

PITTORI: Intagliatore di S. Jeronimo

Agostino vescovo e Dottore della Chiesa nel pulpito della chiesa di san Jerˇnimo El Real a Madrid

Agostino vescovo e Dottore della Chiesa

 

 

INTAGLIATORE DI S. JERONIMO

1879-1882

Madrid, chiesa di san Jerˇnimo El Real

 

Agostino vescovo e Dottore della Chiesa

 

 

 

Sul pulpito laterale Ŕ possibile osservare le figure di sant'Agostino e di san Gerolamo, cui la chiesa Ŕ dedicata. La presenza di sant'Agostino Ŕ giustificata dal fatto che la sua regola era seguita dai monaci del convento annesso alla chiesa. Sia Agostino che Gerolamo tengono fra le mani un libro aperto, simbolo della fonte da cui trae spunto la predica che verrÓ pronunciata dal pulpito. Mentre Gerolamo porta il cappello cardinalizio e presenta ai suoi piedi il leone, simbolo che lo contraddistingue nelle sua iconografia, Agostino Ŕ vestito da vescovo, impugna il bastone pastorale con la mano sinistra e in capo porta la mitra che Ŕ cerchiata dal nimbo dei santi. La sua figura Ŕ esile rispetto a quella di Gerolamo, elegante e maestosa. Il viso del santo Ŕ di persona ormai matura, quasi anziana, con una folta barba riccioluta che gli copre il viso fino al petto. Entrambi i santi poggiano su un piedistallo e la loro figura in legno Ŕ racchiusa entro una nicchia di stile goticheggiante.

San Jerˇnimo El Real Ŕ una chiesa rinascimentale costruita all'inizio del Cinquecento, dove passarono le prime corti di Fernando il Cattolico. L'antico monastero di San Jerˇnimo el Real, popolarmente conosciuta come "Los Jeronimos" Ŕ stato uno dei monasteri pi¨ importanti di Madrid, originariamente governato dell'Ordine di San Girolamo. Attualmente rimangono la chiesa conventuale, trasformata in parrocchia di San Girolamo, e un chiostro rinascimentale. Chiesa e convento erano strettamente legati alla vita di Corte e alla monarchia spagnola. Il tempio era la scena dei funerali della famiglia reale, dei giuramenti degli eredi, dei matrimoni e proclami reali.

La facciata Ŕ stata disegnata da frate Lorenzo de San Nicolßs secondo i canoni dell'architettura dell'Escorial. Dopo anni di abbandono nell'Ottocento e Novecento, che avevano portato la chiesa ad uno stato di fatiscenza, il complesso Ŕ stato aggregato al Museo del Prado.

Un primo monastero era stato fatto costruire nel 1463 da Enrico IV sulle rive del fiume Manzanares, e subito dopo, nel 1470 era stato donato alla congregazione dei frati. I Re Cattolici di Madrid ordinarono quindi la costruzione di un monastero di monaci Jeronimos che servisse la famiglia reale nelle loro villa. Questo monastero fu costruito in stile tardo gotico con influenze rinascimentali. Nel XVI secolo Filippo II fa costruire la cosiddetta Quarta reale, una serie di ambienti per l'accoglienza dei monarchi e prodromo del futuro Palacio del Buen Retiro. Il letto reale era vicino al lato Vangelo del presbiterio in modo tale che il re potesse sentire Messa dalla sua camera da letto, una consuetudine che Ŕ evidente anche nella progettazione e distribuzione del Monastero di El Escorial. Il monastero e il palazzo annesso vissero il loro massimo splendore durante il regno di Filippo IV , che propose la localitÓ come centro della vita di corte. Durante l'invasione napoleonica del 1808, il monastero e il Palazzo del Buen Retiro sono stati gravemente danneggiati. Demolito il complesso del palazzo del Buen Retiro, nel 1878 la chiesa fu affidata all'Arcivescovado di Madrid, che lo ha completamente ristrutturato. All'interno, la disposizione dell'altare maggiore Ŕ stata modificata, sostituendo l'Ultima Comunione di San Girolamo di Rafael Tejeo, e inoltre la pala d'altare gotica di JosÚ MÚndez Ŕ stata collocata nella cappella principale.

La grande pala d'altare nel XIX secolo di JosÚ Mendes, fu ordinata da Francesco Borbone. E' in stile romantico, ma imita i modelli gotici. Nella seconda sezione sono raffigurati San Isidro, come patrono di Madrid, e S. Agostino, la cui regola era seguita dai monaci seguita Jeronimos.