Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Ottocento: Antonio Lucenqui

PITTORI: Antonio Lucenqui

Agostino cardioforo vescovo e Dottore della Chiesa

Agostino cardioforo vescovo e Dottore della Chiesa

 

 

ANTONIO LUCENQUI

1818

Badajoz, chiesa di sant'Agostino

 

Agostino cardioforo vescovo e Dottore della Chiesa

 

 

 

I quattro Padri della Chiesa latina Ambrogio,Girolamo, Agostino e Gregorio Magno papa sono raffigurati sulla Pala dell'altare maggiore della chiesa di sant'Agostino nella parrocchia di Santa MarÝa la Real di Badajoz. L'opera Ŕ firmata da Antonio Lucenqui che la realizz˛ nel 1818.

Agostino Ŕ qui raffigurato come vescovo ritto in piedi mentre sta scrivendo con una penna su un grande libro. Nella mano sinistra tiene in alto un cuore fiammante.

L'autore, Antonio Lucenqui, appartiene a una stirpe pittori polacchi di nome Luschinscky o Luschinsqui. Il loro cognome Ŕ stato ispanizzato in Lucenqui. Figlio dei polacchi Matias Luschinscky e Barbara Sehemizin, Antonio nacque in una cittÓ polacca che oggi si trova in territorio ucraino, chiamata Kolomyia.

Questa cittÓ apparteneva ad una vecchia regione polacca chiamata Galizia, che fu successivamente divisa tra la Polonia e l'Ucraina. Antonio fece il servizio militare per vari anni. Da Kolomyia partý per la Spagna nel 1795 e dal 1801 risiede a Badajoz dove si spos˛ el 1803 con Juana Francisca del Carmen MartÝnez RodrÝguez.

Antonio Lucenqui morý a Badajoz nel 1833 a 66 anni. Si presume che il suo corpo sia stato sepolto nel cimitero di Luneta,

Tra i suoi figli ricordiamo JosÚ Antonio MarÝa Francisco nato nel 1804, MarÝa Teresa Luisa Soledad (1805), Rafael, Juan MarÝa Baldomero (1809).

 

 

Antonio Lucenqui

╚ probabile che sia stato un pittore autodidatta che impar˛ a dipingere mentre viaggiava come soldato in diversi paesi europei. Anche se ha prodotto opere su tela, affreschi e sculture non sembra che sia stato apprezzato come insegnante autorevole.

Si pu˛ comprendere questa situazione giÓ a partire dallo schizzo di san Giacomo Apostolo, dove si notano le sue incertezze nel disegno.

A Badajoz finalmente ha potuto avere a portata di mano i modelli di pittori della qualitÓ di  Luis de Morales, Antonio Palomino, Antonio Monreal, Pedro Atanasio Bocanegra, Juan de Arellano, la famiglia dei Mures, l'Estrada, ecc. Ha cercato in particolare di imitare il pittore sivigliano Alonso de Mures, che a sua volta traeva ispirazione da Murillo. Nonostante la sua incompleta preparazione artistica, forse a causa della mancanza di buoni professionisti, Antonio Lucenqui fu ampiamente richiesto come pittor soprattutto nei suoi ultimi anni di vita.

Alcuni suoi dipinti nella divisione dei beni del defunto furono valutati 1.048 reales dal potente mercante catalano Miguel Carbonell. Tra questi quadri erano compresi la Vergine della Concezione, la Divina Pastora, il beato catalano trinitario Miguel de los Santos, un ritratto di Alfonso III (potrebbe essere il valenzano Alfonso III, re d'Aragona, Valencia e conte di Barcellona), il Cristo degli Afflitti, San Isidro Labrador, San Domenico e Nostra Signora de Carriˇn probabilmente la patrona di Alburquerque.

La sua prima opera documentata a Badajoz venne eseguita per il capitolo della cattedrale nell'anno 1804, e pagato con 1.500 reais. Queste opere evidenziano la decadenza della pittura spagnola in questo secolo.