Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Quattrocento: Anonimo amanuense francese

PITTORI: Anonimo amanuense francese

Agostino e Apuleio, Fuga in Egitto

Agostino e Apuleio, Fuga in Egitto

 

 

ANONIMO AMANUENSE FRANCESE

1469

Biblioteca Nazionale di Parigi, ms. 18

 

Agostino e Apuleio, Fuga in Egitto

 

 

 

 

Agostino Ŕ il motivo conduttore comune delle due scene qui riprodotte da un manoscritto databile all'anno 1469 e opera probabilmente di una scuola amanuense francese. La scena superiore mostra Agostino di fronte agli eccessi pagani proposti da Apuleio, suo conterraneo e autore delle Metamorfosi, un libro fortemente amorale nei contenuti e nel messaggio proposto. Nella scena c'Ŕ proprio una netta battaglia fra gli angeli e i diavoli sotto lo sguardo di Iddio.

Nella scena sottostante, manca la drammaticitÓ precedente e si osserva piuttosto una serena anche se preoccupata fuga verso una grande cittÓ da parte di Giuseppe e della moglie Maria con il figlio a cavallo di un asinello. L'episodio Ŕ ambientato in una regione intensamente abitata.

 

Lucio Apuleio, o Apuleio da Madaura (Madaura, 125-180 circa), Ŕ stato uno scrittore, filosofo, retore, mago e alchimista romano di scuola platonica nordafricano. ╚ noto in particolare per la composizione del romanzo Le metamorfosi (ovvero l' Asino d'oro). Il prenome Lucio, come tradotto dai codici, risulta sospetto, a causa dell'omonimia con il protagonista-narratore di quest'opera.

La sua famiglia d'origine Ŕ benestante ed influente: il padre fu console, la pi¨ alta magistratura municipale di Roma, e lasci˛ ai suoi due figli una consistente ereditÓ di quasi 2 milioni di sesterzi. I primi studi di grammatica e retorica Apuleio li segue a Cartagine. Qui approfondisce le discipline della poesia, geometria, musica, e soprattutto filosofia, i cui studi sono terminati successivamente ad Atene. S'interessa anche dei riti misterici: a Cartagine dei misteri di Esculapio, il corrispettivo romano del dio greco della medicina e della guarigione Asclepio, e ad Atene dei Misteri Eleusini. Per merito delle sue pubblicazioni, Apuleio riscuote grande fama di filosofo platonico. Ritornato a Cartagine, la sua gloria viene riconosciuta con la sua investitura a sacerdos provinciae.

L'opera maggiore di Apuleio Ŕ certamente Le metamorfosi. Questo costituisce l'unico romanzo risalente all'epoca romana pi¨ rilevante pervenutoci integralmente. ╚ diviso in 11 libri. L'opera Ŕ conosciuta anche col titolo L'asino d'oro, indicato da sant'Agostino nel De civitate Dei (XVlll, 18).