Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Quattrocento: Scuola di Norimberga

PITTORI: Scuola di Norimberga

Sant'Agostino Dottore della Chiesa

Sant'Agostino Dottore della Chiesa

 

 

SCUOLA DI NORIMBERGA

1440-1450

Langenzenn, chiesa evangelica della TrinitÓ

 

Sant'Agostino Dottore della Chiesa

 

 

 

Il dipinto che raffigura a mezzo busto Agostino si trova nella predella dell'altare di Maria nella chiesa di cittÓ di Langenzenn, oggi chiesa evangelica della TrinitÓ. Agostino porta in testa la mitra circondata dal nimbo dei santi ed indossa una tunica nera, propria dei monaci agostiniani che seguono la sua regola. Con la mano destra impugna uno stilo con cui sta scrivendo sopra un libro miniato. Il suo volto ha un aspetto giovanile con dei graziosi ciuffi di capelli che fuoriescono dalla mitra. Curiosamente il santo porta sulla spalla destra un piccolo uccellino bianco ritto in piedi.

La chiesa e il chiostro del monastero, che appartennero agli agostiniani, sono considerati, dal punto di vista architettonico, i pi¨ belli della regione. In passato, il monastero agostiniano era il centro economico e spirituale della cittÓ.

L'interno Ŕ riccamente decorato con opere d'arte e sopra l'altare maggiore sono eccezionali le vecchie vetrate a colori. Distribuiti lungo la navata si trovano diversi altari molto vecchi in ottime condizioni. Dinstinguiamo l'altare della Sacra Famiglia, l'Altare dell'Apostolo, l'altare della Vergine, il Marienaltar, nella cui predella si trova la raffigurazione di Agostino, e il l'altare di san Cristoforo. Il pulpito riccamente decorato, un piccolo gioiello della scultura della Franconia, presenta in rilievo una Annunciazione di Veith Sto▀. Il chiostro della chiesa Ŕ molto ben conservato ed Ŕ uno dei pi¨ belli della Media Franconia.

 

Nel 954 Langenzenn Ŕ menzionata per la prima volta come corte reale. L'occasione Ŕ un Reichstag con il re Ottone I. GiÓ allora c'era probabilmente una chiesa di legno come succedeva nelle corti reali. Intorno al 1100 Langenzenn forma giÓ un centro spirituale per le comunitÓ circostanti. Il monastero agostiniano fu fondato dai burgravi di Norimberga Johann III e Federico VI. La cittÓ fu invasa in guerra nel 1388 e la chiesa and˛ in fiamme, ma una statua della Vergine Maria, annerita dal fuoco fuligginoso, sopravvisse all'inferno. Inizi˛ cosý un grande pellegrinaggio alla "Madonna nera di Langenzenn" che dur˛ a lungo anche oltre la Riforma. Nel 1409 la chiesa fu trasformata in un monastero agostiniano. Nel 1460 il monastero fu distrutto da una invasione militare, ma fu ricostruito in otto anni. Per un lungo periodo Ŕ stato un luogo di pellegrinaggio alla Madonna Nera, che continu˛ anche dopo la Riforma. Con la secolarizzazione e la morte dell'ultimo prevosto nel 1537 finý la presenza monastica di Langenzenn. Dal 1560 fino al 1801 fu utilizzato come sede del decanato e servý dal 1797 al 1806 come caserma prussiana. Dopo essere stato utilizzato come edificio scolastico nel 1950, la struttura fu restituita alla parrocchia. L'ex chiesa conventuale con i suoi tesori d'arte, gli altari della scuola di Norimberga e un epitaffio di Veit Stoss Ŕ diventata chiesa protestante sotto il nome chiesa della TrinitÓ.

 

L'altare della Vergine Maria, anch'esso custodito nel battistero, Ŕ stato rimaneggiato verso il 1900. La parte pi¨ antica Ŕ probabilmente la Predella realizzata intorno al 1440-1450. Le ante interne mostrano un vescovo e San Floriano, all'esterno ci sono i quattro padri della chiesa. Gli esterni della pala raffigurano San Bartolomeo e Anna, Santa Dorotea, Caterina, Santa Barbara e San Sebastiano. La pala Ŕ attribuita alla scuola di Norimberga o maestro di St. Wolfgang. Il programma di figure in plastica Ŕ stato probabilmente creato intorno al 1500. Raffigurata Ŕ Maria e il bambino. Ai loro lati stanno San Giorgio e il discepolo Giovanni con il calice.