Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Seicento: Gerard van Honthorst

PITTORI: Gerard van Honthorst

Sant'Agostino nel suo studio

Sant'Agostino nel suo studio

 

 

GERARD VAN HONTHORST

1610-1620

Genova, Palazzo Reale

 

Sant'Agostino nel suo studio

 

 

 

In questo quadro l'artista ci ha lasciato una raffigurazione di sant'Agostino, prodotta durante il suo soggiorno in Italia. In questo lavoro Honthorst manifesta quello che sarÓ il suo contributo pi¨ significativo alla pittura olandese e cioŔ la sua adesione al dettato caravaggesco, che sarÓ ampliato dalla sua unione artistica con Hendrick Terbrugghen, fervente seguace di Caravaggio. Gerard ha lavorato anche con il fratello Honthorst Willem van Honthorst (1594-1666) e divenne ben presto principale esponente della scuola di Utrecht.

Qui Agostino Ŕ raffigurato come studioso, monaco che sta leggendo un grande libro e ne resta affascinato. La tela, che misura 99x142 cm giÓ esprime il tocco caratteristico dell'arte di Van Honthorst, che manifesta la sua abilitÓ nell'usare la luce artificiale in modo drammatico. Il volto del santo appare in piena luce in contrasto con lo sfondo scuro. Sul tavolo, altrettanto ben illuminati scorgiamo vari oggetti che servono al santo per la sua opera di divulgatore della dottrina cristiana.

 

 

Gerard van Honthorst

Gerard van Honthorst noto anche come Gerrit van Honthorst nacque nel 1590 ad Utrecht. La sua prima formazione avvenne a Utrecht nella bottega di Abraham Bloemaert ed ebbe come compagno Hendrick Terbrugghen.

Ventenne nel 1610 si trasferý in Italia, dove riuscý a ottenere diverse commissioni da nobili mecenati. E' in questa occasione che viene a contatto con il realismo di Caravaggio e ne resta affascinato. Di questo suo soggiorno in Italia sono sopravvissute molte opere, come "La decollazione di San Giovanni Battista", il "Cristo davanti al sommo sacerdote" e "L'ultima Cena", che sono tutte ambientate in uno spazio notturno. Nel 1620 ritorna in Olanda e si stabilisce a Utrecht fino al 1627, quando riceve visita di Rubens.

Nel biennio 1625-1626 presiede la Gilda di San Luca e nel 1628 si trasferisce a Londra per lavorare alla corte di Carlo I. Qui ha l'occasione di dipingere diversi ritratti e una grande allegoria di Carlo e con la regina (ora a Hampton Court).

Ritornato in Olanda prende abitazione a L'Aia e tornerÓ ad Utrecht solo dopo il 1652. L'artista muore ad Utrecht nel 1656.