Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Seicento: Maestro dell'altare

PITTORI: Maestro dell'altare

Assunzione della Vergine, con Agostino, Nicola e altri santi

Assunzione della Vergine, con Agostino, Nicola e altri santi

 

 

MAESTRO DELL'ALTARE

1685

Martigny, Ospizio del Gran San Bernardo

 

Assunzione della Vergine, con Agostino, Nicola e altri santi

 

 

 

La tavola dell'Assunzione della Vergine Maria si trova sull'altare maggiore della chiesa dell'Ospizio del Gran San Bernardo. La Vergine, assisa su un trono di angeli, assurge in cielo: delle nuvole la separano dal piano inferiore dove si possono riconoscere sant'Agostino, a sinistra, il Prevosto dell'Ospizio del Gran San Bernardo e san Nicola.

Sia Agostino che Nicola indossano il piviale episcopale e la mitra in testa. Per entrambi, in modo simmetrico, due angioletti reggono il bastone pastorale.

Al centro troviamo una immagine del Prevosto dell'Ospizio che ordin˛ l'opera.

Probabilmente si tratta di Antoine Norat eletto nel 1671, dottore di diritto, protonotario apostolico e successivamente elemosiniere e consigliere del re.

 

 

Fu Bernardo di Menthon, arciduca di Aosta, che vedendo arrivare regolarmente in cittÓ dei viaggiatori stanchi e affaticati provenienti dal passo del Mont-Joux, decise di costruire un rifugio.

Il passo era una delle porte di passaggio nord-sud attraverso le Alpi, a 2472 metri lungo la via francigena, giÓ percorsa in etÓ romana. Il passo veniva considerato tra i pi¨ pericolosi d'Europa a motivo delle condizioni meteorologiche e delle aggressioni di banditi Bernard di Menthon, il futuro San Bernardo, si assunse dunque l'onere di costruire un rifugio, che divenne operativo verso il 1045 o 1050. Nell'Ospizio fu insediata una comunitÓ religiosa fondata sul principio dell'ospitalitÓ. Il passo a partire dal XIII o XIV secolo assunse il nome di Gran San Bernardo, mentre un altro rifugio venne fatto costruire sul colle del piccolo San Bernardo, tra la valle d'Aosta e quella dell'IsŔre in Francia.

Insieme a San Bernardo sul colle si insedi˛ una comunitÓ di canonici agostiniani, i cosiddetti Canonici del Gran San Bernardo. Nel secolo XI San Bernardo li riuný sul passo per aiutare pellegrini e mercanti nella loro traversata delle Alpi. Oggi, ogni membro della Congregazione, sacerdote, fratello laico, oblato, si impegna a vivere il carisma dell'accoglienza nel suo luogo di lavoro e nel suo luogo di vita in comunitÓ, secondo la Regola di sant'Agostino.

La congregazione del Gran San Bernardo conta oggi 45 preti, frati e laici. Cinque canonici e un'oblata vivono tutto l'anno nell'ospizio, altri sei in quello del Sempione. I canonici del Gran San Bernardo sono aiutati da volontari.