Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Seicento: Thomas Sierra

PITTORI: Thomas Sierra

Agostino vescovo e Dottore della Chiesa

Agostino vescovo e Dottore della Chiesa

 

 

THOMAS SIERRA

1670

VillagarcÝa de Campos, chiesa Collegiata di san Luis, Cappella del Reliquiario

Agostino vescovo e Dottore della Chiesa

 

 

 

L'opera si trova nella nella chiesa Collegiata di San Luis, le cui strutture originarie risalgono al nel 1572 opera di Rodrigo Gil de Honta˝ˇn.

Nella cappella del Reliquiario si trova l'altare principale, accompagnato da altre due pale laterali, una sul lato dell'epistola, dedicata a santa Lucia e un'altra sul lato del Vangelo, dedicata a S. Agnese, dove si trova la scultura con sant'Agostino.

Tutte sono state realizzate nel 1670 dallo stesso assemblatore della pala principale, l'artista Cristˇbal Ruiz de Andino.

 

La pala d'altare dedicata a sant'Agnese Ŕ motivata dalla fondazione di questa cappella, dedicata a Agnese de Salazar, che ordin˛ nel suo testamento di raffigurare l'immagine della santa.

La nicchia centrale Ŕ dominata dall'immagine di sant'Agnese, opera dello scultore Alonso de Rozas, realizzata nel 1673. A Rozas, attesta un documento di pagamento, "Ŕ stato pagato un migliaio di reais per conto delle statue di S. Agnese e di altri due martiri che stanno facendo". Le rimanenti dodici piccole mensole della pala con le relative statue sono frutto del lavoro di Thomas Sierra, che Ŕ stato il grande architetto dell'opera scultorea della cappella del Reliquiario. Nella parte centrale della cimasa della pala Ŕ rappresentato il martirio di San Bartolomeo, la cui composizione ricalca una nota incisione di JosÚ de Ribera. Il santo Ŕ legato ad un albero, mentre i carnefici iniziano a scuoiarlo. Il suo braccio sinistro Ŕ raffigurato con crudo realismo. I carnefici con le loro risate diaboliche riproducono gli atteggiamenti dei carnefici della Settimana Santa. la doratura di San Bartolomeo e S. Stefano sono opera di  Jeronimo de Cobos.

Su entrambi i lati di questa scena alle estremitÓ della cimasa si trovano le statue di San Cosma e San Damiano. Nelle nicchie superiori, chiuse da un vetro, si conservano le ossa di due crani delle undicimila vergini martiri. Nelle nicchie tra le colonne troviamo l'Apostolo Filippo e il centurione Marcello. Nelle due nicchie inferiori appaiono gli apostoli Tommaso e Matteo. Nelle nicchie situate al livello della mensa dell'altare ci sono altre cinque statue di piccole dimensioni, circa 37 cm, che raffigurano San Francesco di Assisi, San AntolÝn, san Vincenzo, san Bonaventura e sant'Agostino. Vestito in abiti pontificali, Agostino regge con la mano sinistra un grande libro aperto e con la mano destra una penna in atto di scrivere. Il volto del santo presenta una foltissima barba riccioluta nera che lo ricopre per gran parte delle guance. La policroma e l'oro finemente delicato di tutte queste immagini sono opera di Jeronimo de Cobos.

 

La chiesa Collegiata di San Luis sorge nella cittÓ di VillagarcÝa de Campos e costituisce uno dei pi¨ importanti noviziati della Compagnia di Ges¨. Fondata da Magdalena de Ulloa, la chiesa del convento Ŕ un edificio rinascimentale del XVI secolo progettato dall'architetto Rodrigo Gil de Honta˝ˇn. ╚ costruito in pietra nel pi¨ puro stile gesuitico ed ha una navata unica divisa in cinque sezioni e cappelle tra i contrafforti. La navata Ŕ coperto con volte a botte e lunette, salvo la crociera che prende forma di cupola. La pala d'altare Ŕ opera di Juan de Herrera.

L'esterno della chiesa presenta linee severe. L'icnografia del tempio Ŕ a croce latina e realizza il piano di Gil de Honta˝ˇn con il suo gusto per la architettura classica. Nel presbiterio, accanto all'ambone, sono deposti resti di Dona Magdalena de Ulloa, e di fronte, sul lato del Vangelo, di don Luis Quijada. Su entrambi i lati del transetto si trovano altre due pale d'altare, che esprimono le immagini di San Ignacio de Loyola, fondatore dei Gesuiti, e San Francisco Javier, un santo dello stesso ordine.