Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Settecento: Jacopo Antonio Boni

PITTORI: Jacopo Antonio Boni

San Nicola contempla sant'Agostino

San Nicola contempla sant'Agostino

 

 

BONI JACOPO ANTONIO

1750-1760

Genova, Ospedale Pinacoteca

 

San Nicola contempla sant'Agostino

 

 

 

San Nicola Ŕ qui facilmente riconoscibile dalla semplice tunica nera sul cui petto porta la stella raggiata. Il santo ammira estasiato la figura di Agostino, il fondatore dell'Ordine che gli appare miracolosamente. Agostino indossa i paramenti episcopali e side su una nuvola che gli fa da trono. Intorno si vedono degli angioletti che nuotano fra le nuvole. La gestualitÓ dei due personaggi evidenzia il profondo legame che uný spiritualmente Agostino al suo devoto discepolo. L'opera, oggi conservata nella Pinacoteca dell'Ente ospedaliero genovese, Ŕ di ignota origine e probabilmente venne realizzata per un altare dedicato forse al santo tolentinate. Lo stile pittorico che caratterizza la tela consente di collocare la realizzazione dell'opera verso la metÓ del Settecento. E' probabile che l'autore sia il maestro Jacopo Antonio Boni nel periodo della sua maturitÓ.

La compostezza di matrice classica connota le sue scelte compositive, cosý come la discreta eleganza nei particolari dell'abbigliamento. La morbida resa dei volti e dei paffuti corpi degli angioletti sono caratteri stilistici che scopriamo nelle esecuzioni tardive di questo artista di origini bolognesi attivo, negli ultimi decenni della sua vita, soprattutto per committenze liguri.

Notevoli analogie sono possibili con i personaggi che affollano le scene affrescate da Boni nelle volte di alcuni ambienti del Palazzo De Mari a Genova.

 

 

Giacomo Boni

Questo noto affrescante bolognese nacque nel 1688. Discepolo di Marcantonio Franceschini, intorno al 1714 si trasferý con lui a Genova per lavorare.

Gli sono stati attribuiti una serie di importanti realizzazioni fra cui, a Genova, il ciclo di affreschi nella villa Cattaneo dell'Olmo, gli affreschi nelle sale del palazzo Durazzi Pallavicini (oggi meglio conosciuto come Palazzo Giustiniani-Adorno), gli affreschi sopra le porte nella Sala dell'Alcova a Palazzo Rosso a Genova (1737-1739) e il quadro con il ritratto del "Beato Alessandro Sauli" (1745) nella chiesa di San Bartolomeo degli Armeni. Fuori Genova ricordiamo i dipinti nella chiesa si San Vincenzo de Paoli a Fassolo, i quadri nella Certosa di via Mantova (1720-1721) e nella chiesa di San Giovanni a Parma, gli affreschi con l'Assunta della cupola nella chiesa del santuario della Madonna della Costa a Sanremo. Boni si spense a Genova all'inizio del 1766.