Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Settecento: Maestro di Jaen

PITTORI: Maestro di Jaen

Sant'Agostino vescovo e Dottore della Chiesa

Sant'Agostino vescovo e Dottore della Chiesa

 

 

MAESTRO DI JAEN

1720-1740

Jaen, chiesa di sant'Agostino

 

Sant'Agostino vescovo e Dottore della Chiesa

 

 

 

La ricca e variopinta statua del santo si trova nella chiesa parrocchiale di sant'Agostino a Jaen, nella provincia filippina di Nueva Ecija.

Il santo indossa i paramenti episcopali e nella mano sinistra regge un libro aperto che sorregge un cuore,

La chiesa venne fondata dagli agostiniani nella loro opera missionaria.

Gli agostiniani hanno espletato lo loro attivitÓ a Nueva Ecija in due fasi. Inizialmente si sono dedicati alla evangelizzazione dei nativi della pianura alla fine del XVI secolo. Si insediarono a tale scopo a Gapan nel 1595, ma per varie condizioni avverse furono costretti a cessare le loro missioni. In una seconda fase portarono il cristianesimo a Nueva Ecija nel 1700. Qui presso le trib¨ di montagna ebbero maggiore successo nel proclamare il Vangelo. Nel 1701 fondarono le missioni di frontiera nell'area nordorientale di Nueva Ecija ai piedi dei Monti Caraballo e della Sierra Madre. I missionari agostiniani riuscirono cosý a raggiungere le alte terre di Pantabangan, Caranglan e Puncan. Le popolazioni di questi territori erano gentili, ma decisamente guerriere e coraggiose; Sono abbastanza ingegnoso e sono ospitali. I membri della trib¨ Abaca sono diffusi a Pantabangan e Caranglan. Hanno avuto guerre tribali a causa di isolati omicidi di membri della loro trib¨. 

La pace tra le trib¨ fu portata dai missionari agostiniani che li battezzarono. Tre furono i missionari agostiniani che contribuirono in modo speciale all'evangelizzazione di Nueva Ecija. Il primo fu frate Antolin de Arzaga, nato a Valladolid. Arriv˛ nelle Filippine nel 1699 e venne scelto dal superiore provinciale frate Francisco Zamora nell'anno 1702 per iniziare la missione nelle montagne di Nueva Ecija.

Fu il primo missionario ad entrare a Pantabangan, Caranglan e Puncan per evangelizzare le trib¨ locali. Il secondo missionario Ŕ stato frate Balthasar de Santa Maria Isisigana, uno zio di frate Arzaga. Nato a Durango, in Vizcaya nel 1665 giunse nelle Filippine bel 1699 e dopo tre anni venne inviato a Caranglan. Il suo mandato missionario a Nueva Ecija fu richiesto a frate Arzaga dal governatore Zabalburu. Nel 1704, il superiore provinciale degli agostiniani, frate Juan Bautista de Olarte fece una relazione sulle attivitÓ missionarie dei suoi frati.

Egli annot˛ i risultati delle missioni di Ilocos, Pangasinan, Pampanga, Bataan, Tarlac e Nueva Ecija.

La sua dichiarazione sull'evangelizzazione di Nueva Ecija attesta che: "Io, Fray Juan Bautista de Olarte, docente di teologia sacra, provinciale della provincia di Santissimo Nombre de Jesus degli eremi di nostro padre Sant'Agostino, certifica che, dall'ottavo giorno dell'ottobre del 1702 fino al ventesimo di maggio in questo anno i due religiosi missionari di detto ordine che furono impiegati nella conversione degli indigeni nelle trib¨ Italon e Abaca, che abitano nelle montagne di Pantabanga e Caranglan. Hanno fondato cinque villaggi; Santo Tomas de Villanueva, composto da ottanta famiglie; Santo Cristo de Burgos, cento famiglie; San Agustin, centocinquanta; San Pablo, centocinquanta; San Jose, settanta famiglie. Tutti hanno accettato la fede del nostro Signore Ges¨ Cristo e il santo sacramento del battesimo Ŕ stato somministrato a quattrocento e settanta nove persone. Il terzo missionario era Fray Alexandro Cacho. ╚ aggiunto ai primi due missionari a causa dei loro problemi di salute. Salp˛ da Leˇn, Spagna e venne alle Filippine nel 1690. Fu prima un missionario nelle varie trib¨ della Pampanga superiore, che attualmente Ŕ la parte meridionale di Nueva Ecija. Fu atmando nelle trib¨ Italon e Abaca di Caranglan e Pantabangan nel 1707. Fece molto convertendo e battezzando un gran numero di nativi, studiando le diverse varietÓ di flora e piante medicinali, scrisse un catechismo nei dialetti nativi delle trib¨, E hanno contribuito al governo dei villaggi che i missionari agostiniani hanno fondato."