Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Settecento: Maestro di Rouen

PITTORI: Maestro di Rouen

Agostino vescovo e Dottore della Chiesa

Agostino vescovo e Dottore della Chiesa

 

 

MAESTRO DI ROUEN

1750-1790

Rouen, Museo Flaubert e Storia della medicina

 

Agostino vescovo e Dottore della Chiesa

 

 

 

Realizzata in avorio, questa splendida statuetta raffigura sant'Agostino vescovo e Dottore della Chiesa.

Il manufatto Ŕ alto solo 17,5 cm con una base di circa 5,5 cm di altezza. Il santo Ŕ tratteggiato a figura intera in piedi con nella mano sinistra un notevole bastone pastorale finemente decorato. In testa porta la mitra e indossa un ricco piviale. Nella mano destra regge un cuore fiammante, espressione di caritÓ, tipico simbolo della iconografia del santo in etÓ barocca e rococ˛.

Il volto ha lo sguardo che Ŕ rivolto verso destra ed esprime, nelle linee che caratterizzano il viso, una profonda umanitÓ e autorevolezza. Una lunga e fluente barba ondulata gli scende dal mento in sul petto.

La sua veste Ŕ meticolosamente curata, con ricami preziosi e una allacciatura a cui Ŕ attaccato nella parte posteriore un fermaglio a forma di ghianda, che chiude con eleganza sul petto l'abito. Sotto il fluente piviale vediamo una cotta rifinita con pizzo e l'estremitÓ di una stola. Il movimento e l'espressivitÓ del viso contribuiscono a conferire un aspetto dinamico a questa statuetta di alta qualitÓ compositiva.

L'oggetto aveva presumibilmente una destinazione pratica votiva di adorazione del santo. In precedenza, prima di entrare nelle collezioni del Museo Flaubert e Storia della medicina di Rouen, apparteneva alla ComunitÓ delle suore agostiniane dell'H˘tel-Dieu cittadino.

Agostino viene frequentemente raffigurato nelle sue vesti di vescovo e di Dottore della Chiesa. Il primo a parlare di Agostino come Dottore della Chiesa fu Beda il Venerabile che lo elenc˛ assieme ai santi Gerolamo, Ambrogio e Gregorio papa in un suo scritto dell'VIII secolo. Questo elenco fu approvato il 24 settembre 1294 con lettera di conferma liturgica di papa Bonifacio VIII stilata ad Anagni.