Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Settecento: Maestro corso

PITTORI: Maestro corso

Sant'Agostino e san Sebastiano

Sant'Agostino e san Sebastiano

 

 

MAESTRO CORSO

1750-1770

Silvareccio, chiesa di san Sebastiano

 

Sant'Agostino e san Sebastiano

 

 

 

Questa tela, piuttosto malconcia e bisognosa di restauro, raffigura i santi Agostino e Sebastiano. E' ubicata nella seicentesca chiesa parrocchiale di san Sebastiano a Silvareccio nella Corsica settentrionale. Dipinto a olio su tela il quadro ci offre una immagine standardizzata e stereotipata di entrambi santi dipinti a figura intera. Il quadro ha le dimensioni di circa 155 cm d'altezza e 130 di larghezza. La tela non Ŕ pi¨ nella sua cornice ed Ŕ sospesa a un'asta di legno con un'altra tela sul retro e utilizzata come stendardo per le processioni. Non Ŕ noto il nome dell'artista autore dell'opera che comunque Ŕ databile al XVIII secolo. Agostino Ŕ raffigurato come vescovo con una sontuosa mitra in testa, mentre osserva san Sebastiano. Il suo volto, dall'aspetto ancora abbastanza giovanile e con una folta barba, Ŕ rivolto con grande attenzione a un giovane Sebastiano legato e trafitto da una freccia. Sebastiano Ŕ seminudo, dal volto molto giovanile, quasi un ragazzo. La sua postura Ŕ molto dinamica e si contrappone a quella statica di Agostino. La presenza accoppiata dei due santi Ŕ piuttosto inusuale: Sebastiano Ŕ il titolare della chiesa, mentre la presenza di Agostino si pu˛ spiegare solo forse per la presenza nello stesso piccolo paese di una cappella dedicata proprio a sant'Agostino. Questo edificio Ŕ conosciuto come Cappella di Sant'Agostino e si trova nel Comune di Silvareccio nella Corsica settentrionale proprio all'ingresso del paese, su una collina. Il villaggio di Silvareccio, situato su una cresta aperta, si affaccia a sud. La vista panoramica su tutta la Castagniccia Ŕ molto apprezzata e spingendo la passeggiata verso il passo di San Agostino, a 700 m dal municipio, un'ampia vista si apre sul mare e sulle isole della Toscana. La chiesetta sorge in aperta campagna sullo scollinamento che porta lo stesso nome e offre una notevole vista panoramica sul mare, il villaggio e le montagne, con il Monte San Petrone ovest. Venne costruita probabilmente nel 1487, come indicherebbe una pietra. Subý una prima ristrutturazione nell'anno 1760 e una ricostruzione nel 1864. Questa data Ŕ riportata in una iscrizione in lingua latina che si trova su laterale. Il piccolo campanile costruito di fianco Ŕ opera che risale al 1760. L'interno si presenta ad una unica navata, ha la sobrietÓ dell'arte romanica con pianta allungata e abside piatta. Il coro Ŕ coperto da una falsa volta.