Percorso : HOME > Monachesimo agostiniano > Agiografia > Santi agostiniani > Giovanni da Sahag¨n

Santi dell'Ordine Agostiniano: GIOVANNI DA SAHAGUN

Il miracolo del bambino salvato da un pozzo

Il miracolo del bambino salvato da un pozzo

 

 

San GIOVANNI DA SAHAGUN

c. 1430-1479

 

 

"Padre, non hai saputo porre alcun freno alla tua lingua! Signor duca, per quale scopo salgo sul pulpito? Per annunciare la veritÓ agli ascoltatori o per accarezzarli vergognosamente con adulazioni?" Questo concitato dialogo avveniva tra l'indignato Duca d'Alba, che aveva assistito alla funzione religiosa, e il frate agostiniano P. Giovanni da Sahagun, che aveva tenuto il sermone. Quel giorno P. Giovanni aveva approfittato della presenza in chiesa di tanti nobili della cittÓ e delle autoritÓ civili, per smascherare il mal governo della cosa pubblica e le ingiustizie perpetrate dai potenti a danno delle categorie deboli. Giovanni era nato a Sahaglin, in provincia di Le˛n in Spagna, verso il 1430.

Dopo essere stato studente nella scuola superiore di San Bartolomeo, divent˛ monaco agostiniano nel convento che questo ordine aveva nella cittÓ di Salamanca.

Uno zio gli aveva trovato una sistemazione presso la curia vescovile di Burgos, procurandogli anche un beneficio ecclesiastico. Poi divenne sacerdote. Ma a 33 anni Giovanni and˛ in crisi: non poteva vivere della vigna del Signore senza lavorarvi. Cosi, alla morte del vescovo, cambi˛ vita: entr˛ tra gli agostiniani, dedicandosi quindi ad un instancabile apostolato: nella predicazione al popolo, nella promozione della pace e della convivenza sociale. "Se mi chiedesse dell'atteggiamento di Giovanni - testimonia un suo contemporaneo - nei riguardi dei miserabili e degli afflitti, delle vedove e dei fanciulli sfruttati, dei bisognosi e degli ammalati, dovrei rispondere che da uno slancio naturale era abitualmente spinto ad aiutare tutti sia con buone parole sia anche con elemosine a questo scopo. Era anche preoccupato di portare tutti alla pace e alla concordia, dopo aver spente le inimicizie e le discordie. Quando era a Salamanca, essendo tutta la cittÓ divisa in fazioni a causa delle discordie civili, riuscý ad evitare molte stragi".

Fu per i suoi ripetuti tentativi di pacificazione che nel 1476 i nobili di Salamanca sottoscrissero un solenne patto di perpetua concordia. La forza e il coraggio per agire P. Giovanni li prendeva dall'Eucarestia, che egli celebrava con straordinaria devozione. Morý nel 1479. Il processo di canonizzazione si concluse con la beatificazione, nel 1601, e con la canonizzazione, avvenuta nel 1690. Le reliquie del santo si conservano nella cattedrale nuova di Salamanca, cittÓ piena di luoghi i cui nomi ricordano i portenti operati dal Santo in vita o in morte.

 

A Salamanca si celebra una festa in suo onore e attualmente Ŕ il patrono delle cittÓ di Sahagun e Salamanca. La sua festa si celebra il 12 giugno. A Salamanca si ricordano due suoi miracoli famosi: la storia narra che un bambino cadde in un pozzo e questo pozzo era molto profondo, ma Juan lanci˛ la sua cintura gi¨ per il pozzo e questa arriv˛ fino a dove si trovava il bambino che riuscý a prenderla. Il Santo fece salire il livello dell'acqua fino a che il bambino non riuscý a raggiungere la superficie. L'altro miracolo racconta che un giovane toro era riuscito a scappare dal recinto e che girava per le strade di Salamanca seminando terrore. Juan si mise davanti al toro e gli intim˛: "fermati, schiocco", e questo si ferm˛. La strada dove avvenne questo fatto ora porta il nome di Tentenecio.

Inoltre si dice che riuscý a far riappacificare due famiglie di Salamanca che combattevano fra loro per quaranta anni, con molti morti da entrambe le parti. Da ultimo si racconta che con le sue preghiere liber˛ la cittÓ dalla peste e dal tifo. Per quattro giorni la cittÓ durante i suoi festeggiamenti si riempie si giochi e spettacoli.

 

 

 

HERRERA C., 57-78; Acta SS. Junii II, Venezia 1742, 616-63;

CAMARA T., OSA., Vida de S. Juan de S., patrono de Salamanca, Salamanca 1891;

VELA, VII, 7-24;

CAMBLOR L., OSA., San Juan de S. Su prodigiosa vida y extraordinarios milagros, El Escorial 1962;

FERNANDEZ CATON J. M.; G. di S. Facondo, santo, in BS. VI, Roma 1965 (rist. 1988), c. 899-900;

CUENCA J. M., OSA., Ecos de un centenario. San Juan de S. Apostol de la paz (1479-1979), in Archivo Agustiniano 63 (1979) 315-319;

ID., La Hacienda para la canonizacion de san Juan de S., ib. 69 (1985) 167-244;

GARCIA ABAD A., San Juan de S., fenomeno social del siglo XV; Le˛n 1994;

LUNA PABLO, OSA., San Juan de S. Angel de paz, Madrid 1998.