Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Cinquecento > Edimburgo

CICLo AGOSTINIANo alla National Gallery di Edimburgo

Agostino risana gli storpi e gli sciancati, tappezzeria alla Galleria Nazionale di Edimburgo

Agostino risana gli storpi e gli sciancati

 

 

TAPPEZZERIE FRANCO-FIAMMINGHE

1500 ca.

National Gallery di Edimburgo

 

Agostino guarisce degli storpi

 

 

 

Una iscrizione a lettere gotiche precisa il soggetto: Scribit Possidonius episcopus Augustini indidividuus comes, ad preces integerrimi episcopi lachrimosas demones a corporibus humanis sepius fugatos egrotosque pene innumeros desperate valitudinis convaluisse.

Piuttosto che Possidio Ŕ Jacopo da Varagine a ricordare l'episodio, che sarÓ riprodotto anche a Pavia, nel ms. di Firenze nel 1433 e a Carlisle verso il 1490. Agostino vescovo, seguito da un monaco, impone le mani su un pellegrino infermo che Ŕ inginocchiato davanti a lui. Altri storpi si apprestano a ricevere la sua benedizione.

 

Verso il 912, alcuni uomini gravemente ammalati andavano a Roma dalla Germania e dalla Gallia, - erano pi¨ di quaranta, - per visitare le tombe Apostoli. Alcuni si trascinavano su grucce, altri, completamente paralitici, si facevano portare, altri erano ciechi e camminavano portando i loro compagni servivano di guida.

- Andate a Pavia e domandate dove Ŕ la chiesa di S. Pietro; e lÓ otterrete la grazia che chiedete.

Gli domandarono essi il suo nome ed egli rispose: Ed immediatamente disparve.

Essi, giunti a Pavia, andarono nella chiesa di S. Pietro e quando seppero che lÓ era il corpo di S. Agostino, gridarono:

- Sant'Agostino, aiutateci! I cittadini ed i religiosi accorsero, attratti dalla novitÓ della cosa, ed ecco che per la tensione dei nervi, incomincia a colar del sangue che forma un rivo dalla porta della chiesa al sepolcro del santo, ed i malati che si avvicinarono al sepolcro furono guariti, nÚ rimase in essi traccia d'infermitÓ, di modo che la fama del santo si sparse sempre pi¨ ed una folla di ammalati incominci˛ ad affluire alla chiesa, e chiunque veniva era guarito e lasciava doni in ringraziamento.

La quantitÓ di questi voti fu tale che tutta la cappella di S. Agostino ne fu piena ed allora furono messi nel vestibolo, ma presto anche lý furono tanti che rendevano difficoltoso il passaggio, ed i religiosi furono costretti a farli portare altrove.

JACOPO DA VARAGINE, Legenda Aurea