Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Novecento: Giovan Battista Galizzi

PITTORI: Giovan Battista Galizzi

Agostino e san Nicola guidano santa Rita al convento

Agostino e san Nicola guidano santa Rita al convento

 

 

GIOVAN BATTISTA GALIZZI

1947

Cascia, Santuario di Santa Rita

 

Agostino e san Nicola guidano santa Rita al convento

 

 

 

 

All'interno della cappella che custodisce l'urna di santa Rita, sulla parete di fondo degli intercolumni, si trovano lacuni dipinti che rappresentano i momenti salienti della vita della santa. La complessa titolazione indica il senso della struttura dell'opera realizzata da Giovan Battista Galizzi nel 1947 per il Santuario di santa Rita a Cascia: la giovane Rita, vestita come una contadina, ha deciso di entrare nel convento agostiniano della cittadina e si appresta a varcare la soglia oltre i gradini. La accompagnano e la benedicono in questa sua decisione due grandi santi dell'ordine: Agostino e san Nicola da Tolentino.

Agostino Ŕ vestito da vescovo, con la mitra in testa, il bastone pastorale nella mano sinistra: una fluente barba grigia e bianca gli copre il volto. Ha un viso anziano dallo sguardo profondo mentre Ŕ nell'atto di benedire Rita. Al suo fianco sta un giovane san Nicola da Tolentino con il suo saio nero, la testa nimbata e il sole raggiante che gli splende sul petto. La scena si completa con la figura di san Giovanni il Battista che la aspetta sulla soglia del convento.

 

La agiografia di santa Rita Ŕ contrassegnata da alcuni miracoli:

Il miracolo delle api bianche: Rita era nata da pochi giorni quando accadde che le api, che ronzavano vicino al volto della neonata senza pungerla, furono scacciate da un mietitore che stava lavorando in un campo di grano vicino. Proprio la mano dell'uomo, feritasi con la falce, fu guarita dalle api bianche nel momento che vi si posarono sopra.

Il miracolo della vite: Rita era da poco arrivata nel Monastero quando la madre badessa la incaric˛ di innaffiare ogni giorno una pianta di vite ormai irrimediabilmente secca. Davanti a quello che poteva sembrare un compito assurdo, Rita pieg˛ la testa con umiltÓ e con obbedienza lo eseguý fino a quando un giorno il tralcio di vite torn˛ a germogliare.

Il miracolo della spina: C'Ŕ qualcosa per cui valga la pena di vivere? La Santa trov˛ la risposta nella passione di Ges¨: da patire, giorno per giorno, mese per mese, anno per anno. Per Rita nacque un grande desiderio: soffrire con Ges¨ crocifisso. Era entrata in Convento giÓ provata dalla vita. Questo nuovo compito le diede nuovo coraggio. Meditare a lungo sulla passione del Signore. Piangere sulle piaghe aperte di Ges¨. Era il 18 aprile 1442, venerdý santo, Rita mentre pregava dinanzi ad un Crocifisso affrescato in una parete del Convento. All'improvviso una spina si stacc˛ dalla corona di Ges¨ e ferý profondamente Rita sulla fronte, dalla parte dell'occhio sinistro. Credette d'essere ferita a morte e cadde riversa per terra. Da quel momento, per quindici anni e fino al giorno della sua morte, la passione di Ges¨ ebbe anche nelle carni di Rita una dolorosa manifestazione.

Il miracolo avvenuto nel pellegrinaggio a Roma per l'Anno Santo 1450: Si racconta che la Madre badessa e le consorelle di Rita avessero deciso di recarsi a Roma in pellegrinaggio in occasione dell'Anno Santo del 1450. Rita fu inizialmente esclusa per la ferita della spina che ne fiaccava la salute. Ma ancora una volta le sue preghiere furono ascoltate: la ferita si richiuse e Rita fu in grado di partire e visitare cosý le tombe degli Apostoli, diretti testimoni della vita terrena di Cristo. Si narra che una volta giunte in prossimitÓ di Roma le suore riposassero nella zona di Tor Bella Monaca. Pochi sanno che la borgata romana deve il suo nome alla bella suora che era quel giorno nel gruppo e che si riconosce in Santa Rita.

Il miracolo della rosa e dei fichi: Tornata dal pellegrinaggio romano, sulla fronte di Rita ricomparve la ferita della spina ed una nuova malattia la costrinse a passare gli ultimi quattro anni della sua vita nel letto della sua piccola cella. Era il gennaio del 1457 quando una sua cugina di Roccaporena, come faceva regolarmente, si rec˛ a trovarla. Quel giorno Rita, prima di salutarla, le chiese di portarle una rosa e due fichi dal suo orto. Una richiesta che parve dettata da una mente in preda al delirio a causa del dolore. Ma con grande sorpresa, appena giunta nel piccolo borgo di Roccaporena, sommerso dalla neve, la cugina di Rita trov˛ realmente una rosa sbocciata e due fichi su un ramo senza foglie. Per Rita quei frutti e quel fiore furono l'ultimo contatto con il luogo dove era nata e dove era vissuta con il marito ed i figli.