Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Novecento: Maestro di Tabga

PITTORI: Maestro di Tabga

Santa Monica madre di Agostino

Santa Monica madre di Agostino

 

 

MAESTRO DI TABGA

1937-1940

Tabga, Chiesa delle Beatitudini

 

Santa Monica madre di Agostino

 

 

 

Questo mosaico che raffigura una giovane santa Monica in preghiera si trova nel piazzale mosaicato di fronte alla chiesa delle Beatitudini sul monte omonimo a Tabga, in Galilea. Monica indossa un abito che ricorda quello delle religiose, con in testa un velo e sulle spalle un largo e lungo mantello azzurro che copre un vestito rosato. Le sue mani sono giunte in preghiera e il viso esprime una profonda interiorizzazione dei suoi pensieri spirituali. Alle sue spalle Ŕ stato stilizzato un mare e una grande costruzione: l'insieme della scena sembra raffigurare l'episodio descritto da Agostino allorchŔ si allontan˛ da Cartagine per raggiungere Roma, lasciando sola sua madre a pregare nella chiesa di san Cipriano.

L'immagine a mezzo busto della santa Ŕ racchiuso con eleganza all'interno di un tondo con corona azzurra. Questa chiesa cattolica sorge su una collina che domina il mare di Galilea sul luogo ove si presume che Ges¨ predic˛ il discorso della Montagna con le beatitudini. Eretta nel 1937 dall'architetto Antonio Barluzzi, la chiesa si presenta a pianta ottagonale, circondata interamente da un portico, e sormontata da una cupola. Al suo interno sono rappresentate le otto beatitudini disegnate sui lati, mentre sul pavimento altre raffigurazione comprendono sia le tre virt¨ teologali che le quattro virt¨ cardinali.

Antonio Barluzzi (1884-1960) Ŕ stato un architetto nativo di Roma che ha progettato molte chiese in Terra Santa. Barluzzi nacque in una famiglia di architetti che da diverse generazioni lavorava per il Vaticano. Laureatosi in ingegneria nel 1912, seguý in Terrasanta suo fratello Giulio che aveva avuto l'incarico di progettare l'ospedale italiano di Gerusalemme. Tornato in Italia per lo scoppio della prima guerra mondiale, riuscý nel 1917 a ritornare a Gerusalemme con il fratello al seguito delle truppe britanniche. Ricevuto un primo incarico di costruire una basilica sul monte Tabor, continu˛ a costruire edifici sacri fino al 1958 quando ritorn˛ in Italia.

 

"Non lontano da Cafarnao si vedono i gradini di pietra, sui quali stette il Signore. LÓ, presso il mare, c'Ŕ una campagna erbosa con fieno abbondante e molte palme e, lý vicino, sette sorgenti ognuna delle quali emette infinita acqua; in questa campagna il Signore sazi˛ una moltitudine con cinque pani e due pesci. La pietra su cui il Signore depose il pane Ŕ divenuta un altare ... Presso le pareti di quella chiesa passa la via pubblica, dove Matteo ebbe il suo telonio. Sul monte vicino c'Ŕ una grotta dove il Signore salý per dire le beatitudini". Questo testo Ŕ tratto da una copia medioevale di un libro attribuito alla pellegrina Egeria (381-384 d. C.) che parla dei luoghi santi e che costituisce la miglior attestazione dei ricordi cristiani di Tabga. Nella pianura, tra le sorgenti, si trova la chiesa della moltiplicazione dei pani (riscoperta nel 1932 dal benedettino E. Mader), coi suoi antichi mosaici di genere nilotico e la celebre roccia sotto l'altare davanti alla quale sono rappresentati il pane ed i pesci che servirono a Ges¨ per sfamare le moltitudini. Sul monte vicino sorge il santuario delle beatitudini: quello antico, pi¨ in basso, presso la strada, fu scavato nel 1936 da padre Bellarmino Bagatti, mentre quello nuovo, sopra un poggio pi¨ elevato, fu costruito da Antonio Barluzzi nel 1937.