Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Quattrocento: Passeri Andrea

PITTORI: Passeri Andrea

San Gregorio papa e sant'Agostino

San Gregorio papa e sant'Agostino

 

 

PASSERI ANDREA

1488-1517

Milano, Asta Finarte

 

San Gregorio papa e sant'Agostino

 

 

 

La tavola costituisce un elemento d'insieme che raffigura san Gregorio papa assieme a sant'Agostino. Le sue misure sono in altezza cm 59 e in larghezza cm 31. Si hanno notizie dell'opera nel 2009 a Milano all'Asta Finarte del 29 settembre n. 215.

In precedenza la stessa tavola appartenne alla collezione Bellini e Pallesi a Firenze.

San Gregorio, a sinistra, Ŕ stato raffigurato nelle sue vesti pontificali con la tiara in testa in atto benedicente, mentre una colomba vola attorno al suo capo.

Agostino e Gregorio papa Magno sono due dei grandi Dottori della Chiesa cattolica. Frequentemente sono raffigurati insieme agli altri due Dottori, Gerolamo e Ambrogio nelle lunette e nei sottarchi di quasi tutte le chiese. Gregorio si affatic˛ senza riposo a risolvere i problemi di governo della Chiesa, a eliminare la corruzione, a guidare il clero nella direzione delle anime, a propagare il Vangelo nei paesi barbari, ma al tempo stesso a risolvere questioni politiche, economiche, diplomatiche e militari in un periodo tormentato nel quale caddero sulle sue spalle responsabilitÓ enormi: salvare le vite umane in tempi di guerra e di invasioni, soccorso dei poveri, mantenimento della concordia fra i cittadini, giustizia fra popolazioni diverse.

A destra sant'Agostino Ŕ vestito da vescovo, con la mitra in testa e un libro aperto nella mano destra che sta leggendo con attenzione. Con la sinistra regge il bastone pastorale. Il santo ha un viso maturo, segnato dalle rughe del tempo e una folta barba riccioluta che gli scende fin sul petto.

Sotto il piviale si nota agevolmente il saio nero dei monaci agostiniani, che probabilmente furono i   committenti dell'opera, dato che la presenza del saio nella iconografia del santo Ŕ da associare alla volontÓ dell'Ordine di ribadire in ogni circostanza la filiazione degli Eremitani direttamente dal santo vescovo di Ippona.

 

 

Passeri Andrea

Pittore e intagliatore nato probabilmente a Torno vicino a Como. Si hanno notizie della sua attivitÓ dal 1488 al 1511. Stilisticamente fu senz'altro un seguace di Bergognone. Lavor˛ soprattutto nel Comasco, dove sono rimaste le sue opere. Si particolare pregio si ricorda la Madonna delle Grazie e santi realizzata nel 1502 per il Duomo del capoluogo lariano.