Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Seicento: Livio Vanni

PITTORI: Livio Vanni

Gonfalone di S. Rita

Gonfalone di S. Rita

 

 

VANNI LIVIO

1615

Cascia, gonfalone monastero di santa Rita

 

I santi Agostino, Giovanni Battista e Nicola da Tolentino guidano santa Rita

 

 

 

 

La committenza da parte del Comune di Cascia del Gonfalone di santa Rita Ŕ attestata da vari documenti. A inizio 1614 il Comune chiede l'autorizzazione presso la Sacra Congregazione del Buon Governo e dei Riti. Il pittore romano Livio vanni lo port˛ a compimento entro luglio del 1615. Il gonfalone Ŕ dipinto su entrambi i lati. Sulla faccia anteriore Rita riceve le stigmate, mentre su quella posteriore viene introdotta nel monastero agostiniano di Maria Maddalena dai suoi tre santi protettori. Rita Ŕ illuminata dal raggio divino e avanza sicura, forte del sostegno di Agostino, del Battista e di san Nicola da Tolentino.

Giovanni Battista sembra indicarle la strada, mentre alle sue spalle Nicola con espressione serena e fiduciosa l'accompagna con lo sguardo. Agostino le impartisce alcune raccomandazioni. Il santo indossa il piviale vescovile con la mitra in testa: si vede anche la cocolla nera degli agostiniani. Il suo sguardo Ŕ rivolto a Rita ed esprime una intensa dolcezza nei suoi confronti. Ha un aspetto maturo con una folta barba che gli avvolge il viso. Di fianco a lui c'Ŕ il Battista che volge lo sguardo pi¨ che alla santa allo spettatore, mentre san Nicola tiene in mano un giglio e rivolge lo sguardo dolce e delicato verso la santa e verso lo spettatore. Sullo sfondo una scena cupa avvolge i protagonisti. fra le nere nubi spiccano dei raggi di luce, mentre due angioletti guardano felici lo svolgersi degli accadimenti.

 

Santa Rita Ŕ monaca agostiniana, nativa di Roccaporena (1381), che visse nel monastero di Cascia dove morý nel 1447. Di umilissime origini fu sposata a un uomo brutale contro sua volontÓ, che riuscý ad ammansire. Alla morte del marito e dei figli entr˛ fra le agostiniane di Cascia dove condusse una vita in santitÓ. Fu beatificata nel 1627 e canonizzata nel 1900.

La sua agiografia Ŕ contrassegnata da alcuni miracoli:

Il miracolo delle api bianche: Rita era nata da pochi giorni quando accadde che le api, che ronzavano vicino al volto della neonata senza pungerla, furono scacciate da un mietitore che stava lavorando in un campo di grano vicino. Proprio la mano dell'uomo, feritasi con la falce, fu guarita dalle api bianche nel momento che vi si posarono sopra.

Il miracolo della vite: Rita era da poco arrivata nel Monastero quando la madre badessa la incaric˛ di innaffiare ogni giorno una pianta di vite ormai irrimediabilmente secca. Davanti a quello che poteva sembrare un compito assurdo, Rita pieg˛ la testa con umiltÓ e con obbedienza lo eseguý fino a quando un giorno il tralcio di vite torn˛ a germogliare.

Il miracolo della spina: C'Ŕ qualcosa per cui valga la pena di vivere? La Santa trov˛ la risposta nella passione di Ges¨: da patire, giorno per giorno, mese per mese, anno per anno. Per Rita nacque un grande desiderio: soffrire con Ges¨ crocifisso. Era entrata in Convento giÓ provata dalla vita. Questo nuovo compito le diede nuovo coraggio. Meditare a lungo sulla passione del Signore. Piangere sulle piaghe aperte di Ges¨. Era il 18 aprile 1442, venerdý santo, Rita mentre pregava dinanzi ad un Crocifisso affrescato in una parete del Convento. All'improvviso una spina si stacc˛ dalla corona di Ges¨ e ferý profondamente Rita sulla fronte, dalla parte dell'occhio sinistro. Credette d'essere ferita a morte e cadde riversa per terra. Da quel momento, per quindici anni e fino al giorno della sua morte, la passione di Ges¨ ebbe anche nelle carni di Rita una dolorosa manifestazione.

Il miracolo avvenuto nel pellegrinaggio a Roma per l'Anno Santo 1450: Si racconta che la Madre badessa e le consorelle di Rita avessero deciso di recarsi a Roma in pellegrinaggio in occasione dell'Anno Santo del 1450. Rita fu inizialmente esclusa per la ferita della spina che ne fiaccava la salute. Ma ancora una volta le sue preghiere furono ascoltate: la ferita si richiuse e Rita fu in grado di partire e visitare cosý le tombe degli Apostoli, diretti testimoni della vita terrena di Cristo. Si narra che una volta giunte in prossimitÓ di Roma le suore riposassero nella zona di Tor Bella Monaca. Pochi sanno che la borgata romana deve il suo nome alla bella suora che era quel giorno nel gruppo e che si riconosce in Santa Rita.

Il miracolo della rosa e dei fichi: Tornata dal pellegrinaggio romano, sulla fronte di Rita ricomparve la ferita della spina ed una nuova malattia la costrinse a passare gli ultimi quattro anni della sua vita nel letto della sua piccola cella. Era il gennaio del 1457 quando una sua cugina di Roccaporena, come faceva regolarmente, si rec˛ a trovarla. Quel giorno Rita, prima di salutarla, le chiese di portarle una rosa e due fichi dal suo orto. Una richiesta che parve dettata da una mente in preda al delirio a causa del dolore. Ma con grande sorpresa, appena giunta nel piccolo borgo di Roccaporena, sommerso dalla neve, la cugina di Rita trov˛ realmente una rosa sbocciata e due fichi su un ramo senza foglie. Per Rita quei frutti e quel fiore furono l'ultimo contatto con il luogo dove era nata e dove era vissuta con il marito ed i figli.