Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Settecento: Petrini Giuseppe Antonio

PITTORI: Petrini Giuseppe Antonio

Sant'Agostino vescovo e Dottore della Chiesa

Sant'Agostino vescovo e Dottore della Chiesa

 

 

GIUSEPPE ANTONIO PETRINI

1710-1715

Londra, Asta Christie's 17 aprile 2002

 

Sant'Agostino vescovo e Dottore della Chiesa

 

 

 

Quest'opera di Giuseppe Antonio Petrini che raffigura sant'Agostino Ŕ stata battuta a Londra al Lotto 104 di una vendita all'asta di Christie del 17 aprile 2002.

Dipinto a olio su tela, questo ovale, che raffigura sant'Agostino, misura 40,4x30,5 cm. Si tratta quasi certamente di un modello che l'autore ha realizzato per una serie, dove sono raffigurati i Quattro Dottori della Chiesa, destinata alle pitture che poi ha eseguito nella Cappella della Corte d'Appello a Torino. L'opera ha probabilmente una datazione che oscilla tra il San Giovanni Evangelista del 1707 (conservato a Dublino nella Galleria Nazionale d'Irlanda) e il San Giuseppe del 1715 che si trova nella chiesa di Sant'Antonio a Lugano.

Agostino Ŕ raffigurato con vivacissima espressione, lo sguardo teso e partecipe verso l'eterno che scruta con occhi inquieti. Le mani aggrappate al libro e la testa reclinata leggermente verso l'alto accentuano la tensione dinamica che Ŕ ben visibile dall'espressione del volto.

 

 

 

 

Giuseppe Antonio Petrini

Giuseppe Antonio Petrini nasce a Carona, sopra Lugano, nel 1677 e si spegne nel villaggio natale nel 1759. Appartiene dunque all'epoca della grande fioritura erudita che ha la sua auctoritas pi¨ prestigiosa, in Italia, nel modenese Lodovico Antonio Muratori, e a quella dell’Arcadia.

Fu un pittore del tardo barocco, attivo principalmente a Lugano e in area lombarda. Probabilmente fu apprendista di Bartolomeo Guidobono dopo il 1700. Alcune sue opere si trovano a Como e Bergamo, tuttavia la maggior parte si trova a Lugano e nel Canton Ticino. Tra il 1711 e il 1753 Petrini Ŕ nominato negli elenchi dei fabbricieri della chiesa della Madonna d'Onegro a Carona. Frequentemente ha eseguito "ritratti" di personaggi storici tra cui santi, filosofi e scienziati. Un personaggio fra i pi¨ importanti che ha realizzato Ŕ senz'altro la sua rappresentazione dell'austero San Pietro che emerge dall'ombra per individuare alcune linee del Vangelo. Dipinse San Pietro in varie occasioni e si pu˛ certamente ricordare quello per la chiesa parrocchiale di Dubino. Pietro Ligari lo classific˛ tra i pittori speculativi, dato che questi ritratti erano spesso immaginati.

Fra i santi ricordiamo una triplice raffigurazione di Agostino: a Rancate, nella Pinacoteca cantonale Giovanni ZŘst, sono conservati due oli su tela, che raffigurano San Giovanni Evangelista e Sant'Agostino vescovo (della metÓ del Settecento); a Torino, nella Cappella della Corte d'Appello, affresc˛ i quattro Dottori della Chiesa verso il 1715 e un'ultima sua opera Ŕ custodita a Buenos Aires, Museo Nazionale delle Belle Arti, dove sant'Agostino Ŕ in meditazione del mistero della TrinitÓ.