Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Seicento > Pepijn

CICLo AGOSTINIANo di Martinus Pepijn ad Anversa

Agostino guarisce un malato nella Tavola dipinta da Martinus Pepijn per la Cappella dell'Ospedale di Santa Elisabetta ad Anversa

Agostino guarisce un malato

 

 

MARTINUS PEPIJN

1626

Ospedale di Santa Elisabetta ad Anversa

 

Agostino guarisce un malato

 

 

 

L'episodio descritto fa da pendant alla consacrazione: la sua scelta sembra dovuta alla sua destinazione all'interno di un ospedale. Questa volta la lunghezza dell'antina Ŕ stata meglio sfruttata da Pepijn che ha dato spazio al letto in altezza con il baldacchino.

Agostino, in costume da canonico, e con un cappellino in testa, Ŕ seduto sul letto e pone la mano sulla testa di un bambino malato che Ŕ accompagnato da suo padre. Un altro personaggio assiste con le mani giunte. Tutti i personaggi esprimono nel viso una sincera e personale compassione per il povero ammalato. In basso a questa antina si legge la firma dell'autore.

 

Intanto venne da lui un ammalato a domandargli con insistenza che lo guarisse ed egli rispose:

- Figlio mio, credi tu che se io ne avessi avuto il potere non ne avrei usato prima per me? Ma l'ammalato insisteva dicendo che in una visione gli era stato dato questo comando. Vedendo la sua fede, il santo gli impose le mani e lo guarý.

JACOPO DA VARAGINE, Legenda Aurea

 

 

29. 5. Parimenti, mentre era malato e stava a letto, venne da lui un tale con un suo parente malato e lo preg˛ di imporre a quello la mano perchÚ potesse guarire. Agostino gli rispose che, se avesse avuto qualche potere per tali cose, in primo luogo ne avrebbe fatto uso per sÚ. Ma quello replic˛ che in sonno aveva avuto un'apparizione e gli era stato detto: ź Va' dal vescovo Agostino perchÚ imponga a costui la sua mano, e sarÓ salvo ╗. Appreso ci˛ egli non indugi˛ a fare quel che si chiedeva, e il Signore subito fece andar via guarito quel malato dal suo letto.

POSSIDIO, Gesta Augustini 29, 5