Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Cinquecento: Lorenzo Sabbatini

PITTORI: Lorenzo Sabbatini

Agostino vescovo con sant'Ambrogio

Agostino vescovo e sant'Ambrogio

 

 

LORENZO SABBATINI

1530-1577

Bologna, chiesa di san Giacomo Maggiore

 

Sant'Agostino vescovo con sant'Ambrogio

 

 

 

L'opera realizzata da Sabbatini di trova nella undicesima Cappella della chiesa di San Giacomo Maggiore a Bologna. La scena si svolge fra Ambrogio ed Agostino che sono seduti a discutere con alle spalle l'imponente architettura di una chiesa rinascimentale. Entrambi hanno un aspetto anziano a dispetto della differenza d'etÓ fra i due (Ambrogio aveva vent'anni pi¨ di Agostino). Ambrogio tiene con la mano sinistra il bastone pastorale, mentre Agostino con la sinistra accompagna a gesti il ragionamento che sta spiegando ad Ambrogio, che a sua volta lo osserva con una sguardo vivo e pensieroso. Tutti e due hanno in mano un libro su cui si appunta la loro attenzione e dÓ la stura alla discussione.

 

Il santo viene frequentemente raffigurato nelle sue vesti di vescovo e di Dottore della Chiesa. Spesso Agostino Ŕ associato ad altri santi e soprattutto agli altri tre Dottori Gerolamo, Ambrogio e San Gregorio Magno. Con questi ultimi fu praticamente raffigurato in tutte le chiese cristiane d'Occidente sui piloni o sulle volte del presbiterio e della navata centrale. Appare vestito sia da vescovo che da monaco che da canonico; talvolta ha una chiesa in mano, altre volte un libro, una penna o un cuore. Il significato di questo tema iconografico Ŕ chiarissimo: Agostino Ŕ stato uno dei vescovi che ha maggiormente difeso la Chiesa in tutti i suoi scritti e soprattutto con tutta la sua anima e il suo cuore.

 

Agostino compare con Ambrogio in diverse circostanze: nel battesimo impartitogli a Milano, come Dottore della Chiesa, nella scena della A logica libera nos, nel Te Deum. In ogni caso la figura di Ambrogio si staglia nettamente, per l'importanza del santo, che Agostino riconobbe come proprio maestro: rigator meus. Ambrogio fu vescovo di Milano in un periodo travagliato dell'impero romano, percorso da correnti di pensiero diverse e con rigurgiti di paganesimo. Ambrogio si pales˛ come il baluardo estremo del cristianesimo contro ogni avversitÓ.

A Milano, grazie anche all'ascolto delle splendide prediche del santo vescovo Ambrogio, Agostino trov˛ quello che cercava, ovvero la fede in Ges¨ Cristo che gli dette quella gioia piena e quell'appagamento totale che aveva sempre cercato, magari affidandosi anche a dottrine, come il manicheismo, rivelatesi poi fallaci ai suoi occhi. Durante le dieci puntate della trasmissione verrÓ presentata la personalitÓ di questo gigante della fede e della cultura, e sarÓ messo particolarmente in luce il legame tra vita e fede, fra filosofia e amicizia, fra ricerca intellettuale e amore di Dio, che rappresenta la nota distintiva della figura di Sant'Agostino.

Nella notte di Pasqua del 387 dopo Cristo, a Milano, il vescovo Ambrogio battezza Agostino, l'intellettuale di Tagaste (l'odierna Souk Arhas in Algeria), che diventerÓ vescovo di Ippona e che influenzerÓ la cultura europea con il suo pensiero, come del resto l'opera di Ambrogio darÓ un'impronta ai rapporti Chiesa-potere politico nel segno della reciproca autonomia. Quella solenne liturgia celebrata nella speranza che Cristo risorga, che la morte sia vinta e si compia la promessa di rinascita, Ŕ evento sul crinale tra due epoche. Il mondo antico collassa, l'Impero si sgretola tra congiure di palazzo, guerre che prosciugano le casse statali, inflazione, carestie, disastri economici, invasioni, spinte secessioniste. E il nuovo, che pur c'Ŕ, annunciato da scossoni e spinte, da trasformazioni concrete anche se difficili da leggere, stenta ad affermarsi.

 

In questa cittÓ era allora vescovo Ambrogio, uomo eccellente fra i migliori e sommamente gradito a Dio. Questi predicava molto frequentemente la parola di Dio nella chiesa, e Agostino seduto in mezzo alla gente lo stava a sentire con la massima attenzione.

POSSIDIO, Vita di Agostino, 1, 3