Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Novecento: Antonio MartÝnez Penella

PITTORI: Antonio MartÝnez Penella

Santa Rita con i suoi santi protettori Agostino, Nicola da Tolentino e Giovanni Battista di Antonio MartÝnez Penella a Madrid

Santa Rita con i suoi santi protettori Agostino,

Nicola da Tolentino e Giovanni Battista

 

 

PENELLA ANTONIO MARTINEZ

1958

Madrid, chiesa di Santa Rita

 

Santa Rita con i suoi santi protettori Agostino, Nicola da Tolentino e Giovanni Battista

 

 

 

Questa raffigurazione di santa Rita in preghiera Ŕ una scultura di Antonio MartÝnez Penella che si trova nella chiesa di santa Rita a Madrid dei padri agostiniani Recolletti.

Questa chiesa dedicata a santa Rita fu costruita a Madrid verso la metÓ del Novecento. Iniziata nel 1956 la costruzione fu terminata nel 1959, quando venne inaugurata solennemente. La sua struttura Ŕ molto ampia, presenta delle linee moderne, circolari e Ŕ riccamente decorata. GiÓ sulla facciata scopriamo notevoli rilievi che rappresentano scene tratte dalla vita di santa Rita oltre a statue che raffigurano la santa, Agostino e il Cristo della Riconciliazione, opera di Penella Antonio MartÝnez, un abile scalpellino.

Al suo interno si segnalano i murales del pittore Juan Barba  che descrivono la vita di san Nicola da Tolentino. Nella cripta sono state invece dipinte una serie di episodi che narrano il lavoro missionario agostiniano nella provincia delle Filippine.

 

La facciata della chiesa presenta una linea in armonia con la forma del'edificio: due elementi nobilitano e sottolineano ulteriormente la sacralitÓ del tempio: le Due Torri, coperte con guglie di ardesia coronate dalla croce e il contrasto tra il colore rossastro intenso del mattone, che domina il resto dell'edificio, con il grigio del granito e il calcare bianco Colmenar de Oreja. Una enorme pala d'altare di pietra, grande opera scultorea di Penella cattura subito l'attenzione. Alzandosi su una base di pietra grigia che sovrasta le tre grandi porte d'entrata alla chiesa, la grande pala d'altare si estende su cinque piani. La pala Ŕ divisa verticalmente in quattro colonne e cinque righe orizzontali che originano una serie di riquadri rettangolari. Le quattro caselle centrali dei due piani inferiori sono occupate da una unica scultura. I restanti sedici pannelli raccontano la vita di santa Rita da Cascia. Sono stati realizzati con la dura pietra bianca di Colmenar. La pala Ŕ alta quattro metri e da sinistra andando a destra e dall'alto scendendo verso il basso si incontrano le seguenti scene:

1 Un angelo annuncia la nascita di Rita ai suoi genitori.

2 Battesimo della santa.

3 uno sciame d'api entra nella sua bocca.

4 I suoi genitori propongono il suo matrimonio.

5 Scene familiari di Rita con il marito e due figli.

6 Il marito maltratta Rita.

7 Omicidio del marito.

8 La preghiera e la penitenza della vedova Rita.

9 Rifiuto della sua istanza di entrare in un convento agostiniano.

10 Santa Rita con i suoi santi protettori Agostino, Nicola da Tolentino e Giovanni Battista.

11 Rita da Cascia Ŕ accettata nel monastero agostiniano.

12 Le persone vengono da Rita.

13 Obbedienza di Rita che annaffia una vite secca

14 Riceve la stimmata della spina di Cristo.

15 Il miracolo dei fichi e delle rose.

16 La morte di Rita.

17 Santa Rita guarda una giovane coppia che aveva chiesto la sua protezione per il loro figlio.

Questo grande pannello intagliato riprende la tradizione iconografica di alcune grandi pale d'altare. La novitÓ sta nel fatto che si trova all'esterno in armonia con la semplicitÓ della facciata architettonica. Penella ha scelto una appropriata estetica figurativa e, nel loro insieme, le sedici scene presentano caratteristiche simili. Lo stile narrativo Ŕ essenziale nella scelta dei personaggi. Predomina nella composizione e nei vestiti dei personaggi la preservazione dell'ambiente fiorentino cinquecentesco dove si svilupp˛ la vita di Rita. Generalmente dominano la scena due o tre persone. A volte un cestino o un vaso sporgono verso l'esterno, cercando di assicurare profonditÓ alla scena. Sullo sfondo, le figure secondarie sono sfocate e solo abbozzate.

La chiesa madrilena di santa Rita Ŕ stata edificata dagli Agostiniani Recolletti della Provincia di San Nicola da Tolentino. Presenti nelle Filippine, cosý pure in modo significativo in Messico e in Inghilterra, tuttavia Ŕ la Spagna il centro di formazione religiosa specialmente in Navarra a Muddy, Monteagudo e Marcilla e pi¨ recentemente in Hondarribia. Nel 1952 il Consiglio Provinciale approv˛ l'istituzione di un insediamento a Madrid. Il Priore provinciale si incontr˛ con JosÚ MarÝa GarcÝa Lahiguera, vescovo ausiliare e vicario generale della diocesi di Madrid per visitare il luogo dove sarebbe sorto il nuovo insediamento, situato in una zona allora in fase di sviluppo nel quartiere di Madrid, al confine con la City University. Nel 953 inizi˛ la costruzione della grande residenza dei religiosi, su progetto degli architetti Antonio Vallejo Alvarez e Ramon Ramirez de Dampierre, che hanno proposto un edificio di grandi dimensioni con facciata piana, in mattoni rossi, con finestre geometricamente disposte e incorniciate in granito grigio.

Questa scelta stilistica, sia pur lontanamente, evocava l'antico convento dei Recoletos che sorgeva sul sito dell'attuale Biblioteca Nazionale, che l'Ordine aveva dovuto lasciare dopo la confisca di Mendizabal nel XIX secolo. All'intersezione delle due vie Gaztambide e Cea Berm˙dez, l'edificio presenta anche una torre alla cui base una nicchia ospita un rilievo in pietra bianca di Colmenar de Oreja scolpita da Antonio Martinez Penella. Il rilievo raffigura il busto di sant'Agostino vescovo e dottore.