Percorso : HOME > Iconografia > Pittori > Elenco > Settecento: José del Castillo

PITTORI: José del Castillo

Agostino e il mistero della Trinità: incontro con il bambino sulla spiaggia

Agostino e il mistero della Trinità: incontro con il bambino sulla spiaggia

 

 

JOSE' DEL CASTILLO

1770

Madrid, Museo del Prado

 

Agostino e il mistero della Trinità: incontro con il bambino sulla spiaggia

 

 

 

Questo cartone che raffigura sant'Agostino mentre sta meditando sulla Trinità risale all'anno 1770. Opera di José del Castillo questo disegno è stato eseguito con una matita nera su carta gialla, delle dimensioni 326 x 276 mm. Il Santo sta passeggiando su una spiaggia, quando incontra un bambino nudo che sta seduto accanto a una buca che ha scavato nella sabbia. In cielo appare la Trinità, con il Cristo morto sostenuto dagli angeli, davanti al Padre Eterno.

Il disegno è un bozzetto preparatorio per un dipinto d'altare, probabilmente per la chiesa dell'Incarnazione di Madrid. Realizzato intorno al 1770, costituiva una delle quattro grandi tele con storie di sant'Agostino dipinte da Andrés Ginés de Aguirre, da Gregorio Ferro, da Francisco Ramos e dallo stesso Castillo.

La tela finale di questo tema fu realizzato da Ferro che ne modificò ampiamente la struttura, mentre Castillo dipinse il soccorso di sant'Agostino ai bisognosi: tuttavia il carattere del disegno fa pensare a Castillo. Il gruppo della Trinità si ispira a una composizione del suo maestro Giaquinto che si trova nella chiesa romana di San Giovanni Calibita.

 

Questa leggenda è stata studiata da L. Pillion in La Légende de s. Jérome in Gazette des Beaux-Arts del 1908. L'episodio che godrà di molta fortuna nella iconografia agostiniana riprende un testo della Lettera apocrifa a Cirillo che avrebbe scritto lo stesso Agostino. In un passo Agostino ricorda una rivelazione divina con queste parole: "Augustine, Augustine, quid quaeris ? Putasne brevi immittere vasculo mare totum ?".

Questa leggenda si troverebbe forse già nel XIII secolo, sotto forma di exemplum, in uno scritto di Cesare d'Heisterbach (cfr. H. I. Marrou, Saint Augustin et l'ange, une légende médioévale, in l'Homme devant Dieu, Mélanges offerts au P. de Lubac, II, 1964, 137-149).

Questa leggenda sulla Trinità soppiantò ben presto la leggenda della Vedova che trattava dello stesso argomento della Trinità. L'origine di questa tematica iconografica non proverrebbe dunque dalla agiografia medioevale quanto piuttosto dalla predicazione. P. Antonio Iturbe Saìz ha a sua volta proposto una possibile ricostruzione della sua origine: nel secolo XIII si scrivevano "exempla" per i predicatori e in uno di questi apparve questa leggenda applicata a un professore di scolastica di Parigi con un fine chiaramente morale: criticare la alterigia e la superbia dei teologi.

Ma come poi tutto ciò fu collegato ad Agostino ? Due possono essere le spiegazioni: primo che necessitava un protagonista alla storia stessa e Agostino era l'uomo adatto in quanto era considerato un sommo teologo. La seconda spiegazione sta nella diffusione del testo di un apocrifo in cui san Gerolamo (come è stato anticipato all'inizio) discute con Agostino sulle capacità umane di comprendere il mistero divino. In ogni caso la prima volta che si incontra questa leggenda applicata ad Agostino corre nell'anno 1263. In margine va ricordata la disputa sul luogo dove si sarebbe svolto l'incontro tra Agostino e Gesù Bambino: sulla spiaggia di Civitavecchia o di Ippona ? Gli Eremitani e i Canonici si batterono a lungo sul tema, soprattutto perché ciascuno sosteneva che Agostino era stato il vero fondatore del loro Ordine religioso.

 

L'episodio descritto in questa leggenda è abbastanza noto: Agostino, grande indagatore del problema del Bene e del Male, un giorno passeggiava per una spiaggia quando incontrò un bambino-angelo che con un secchiello prendeva dell'acqua di mare e la versava in una piccola cavità nella sabbia. Alla domanda del Santo su che cosa stesse facendo, il bambino avrebbe risposto che voleva porre tutto il mare dentro quel buco. Quando il Santo gli fece notare che ciò era impossibile, il bambino avrebbe replicato che così come non era possibile versare tutto il mare dentro la buca allo stesso modo era impossibile che i misteri di Dio e della SS. Trinità entrassero nella sua piccola testa di uomo.

Ciò detto sparì, lasciando il grande filosofo nell'angoscia più completa. Secondo il parere di alcuni studiosi di parabole e leggende la narrazione potrebbe essere considerata un sogno effettivamente fantasticato dal Santo. Altri aggiungono che forse il colloquio non si sarebbe svolto esattamente come è stato raccontato, perché, prima di sparire, il Santo aveva potuto a sua volta replicare che la risposta non lo convinceva, in quanto - avrebbe obiettato - il mare e i misteri di Dio sono due realtà assai diverse. Pur impossibile, sarebbe stato teoricamente verosimile immaginare il versamento del mare in una buca e allora allo stesso modo si sarebbe potuto supporre che i misteri divini avrebbero potuto entrare in un cervello umano adatto allo scopo e se l'uomo non aveva ricevuto una mente con tali qualità la colpa sarebbe da imputare a Dio, che non aveva appunto voluto che i suoi misteri fossero concepiti dall'uomo, per lasciarlo nell'ignoranza e nel dubbio più atroci.

"Perché Dio non vuole essere capito?" avrebbe domandato il Santo al pargolo divenuto improvvisamente pensieroso. "Te lo dimostro subito" rispose il bambino dopo un momento di perplessità e così, mentre parlava, con il secchiello divenuto improvvisamente grandissimo e mostruoso, in un sol colpo raccolse l'acqua del mare, prosciugandolo, e la pose nella buca, che si allargò a dismisura fino ad inghiottire il mondo. A quella vista il Santo si svegliò con le lacrime agli occhi e capì.

 

 

José del Castillo

Nato a Madrid nel 1737 da una modesta famiglia, ottenne la protezione di don José Carvajal e Lancaster, ministro di Fernando VI, che gli permise di andare in Italia nel 1751 per approfondire i suoi studi. Si recò a Roma presso il pittore Corrado Giaquinto, che accompagnò a Madrid nel 1753. I suoi legami con Giaquinto restarono forti. Ebbe un nuovo aiuto per tornare in Italia, dove restò dal 1757 al 1764. Quando ritornò in Spagna fu richiesto a Palazzo dove lavorò sotto la direzione di Mengs alla Real fabbrica Arazzi di Santa Barbara, fornendo cartoni ripresi da opere e composizioni di Giordano e Giaquinto. Successivamente elaborò proprie tematiche con soggetti di caccia di fascino singolare. Nelle sue composizioni religiose oscilla fra un elegante e aggraziato impianto rococò sul modello di Giaquinto e un classicismo equilibrato e un po' freddo. Morì a Madrid nel 1793.