Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Cinquecento > Eperney

CICLo AGOSTINIANo di un Maestro vetraio champenois a Eperney

Monica consolata da un vescovo, vetrata nella chiesa di Notre Dame a Eperney

Monica consolata da un vescovo

 

 

MAESTRO VETRAIO CHAMPENOIS

1500

Chiesa di Notre Dame a Eperney

 

Monica consolata da un vescovo

 

 

 

La scena è molto bella e composta con grande perizia nell'arte del vetro. Due soli sono i personaggi che sono di fronte l'uno all'altro. Il vescovo, di grande statura, tiene in mano il suo bastone e parla a Monica che si inchina davanti a lui tenendo le mani giunte. La scritta riporta le parole che il vescovo avrebbe pronunciato secondo la descrizione di Jacopo da Varagine: Vade secura quia impossibile est quod filius tantarum lacrimarum pereat. Le fisionomie espressive fanno di questa vetrata una delle migliori illustrazioni di questa scena nella iconografia agostiniana di tutti i secoli.

 

E un altro responso mi hai dato a quell'epoca, che ora torna alla memoria (molte cose tralascio nella fretta di arrivare a ciò che più mi preme confessarti, e molte altre non le ricordo). Un responso, dunque, dato attraverso un tuo sacerdote, un vescovo allevato nella chiesa ed esperto dei tuoi libri. Quando quella donna lo pregò - come era solita fare con tutte le persone che le parevano adatte allo scopo - perché si degnasse di parlare con me e di confutare i miei errori e di distogliermi dalle male dottrine per insegnarmi quelle giuste, quello rifiutò, e saggiamente, come capii più tardi. Rispose infatti che ero ancora sordo a ogni insegnamento, perché tutto gonfio della novità di quell'eresia, e con le mie sottigliezze avevo già messo in agitazione parecchi sprovveduti, come aveva saputo da lei.

"Ma," disse, "lascialo stare dov'è. Prega soltanto il Signore per lui. Troverà da solo, leggendo, che errore sia quello e quanto grande la sua empietà". Poi le raccontò come anche lui da ragazzino fosse stato affidato ai Manichei da sua madre, che ne era rimasta affascinata, e disse che non solo aveva letto quasi tutti i loro libri, ma se li era anche trascritti, e mentre lo faceva gli si era reso evidente, senza che nessuno discutesse con lui e cercasse di convincerlo, che bisognava fuggirla, quella setta. E così aveva fatto. Ma lei nonostante queste parole non voleva rassegnarsi e insisteva, con implorazioni e lacrime sempre più abbondanti, perché mi vedesse e parlasse con me: e quello, che ormai non ne poteva più, concluse: "Lasciami in pace e continua a vivere così, non è possibile che il figlio di tante lacrime perisca".

Parole che ella, nelle nostre conversazioni, ricordava spesso di aver accolto come se fossero risuonate dal cielo.

AGOSTINO, Confessioni 3, 12, 21