Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Novecento > Dublino

CICLI AGOSTINIANI: Dublino

ane

La viane

 

 

HARRY CLARKE

1925-1930

Dublino, chiesa di sant'Agostino

 

Agostino e i morti nel Purgatorio

 

 

 

Le vetrate dell'abside furono realizzate da una azienda artistica bavarese con sede a Monaco, nota in Europa per i suoi pregevoli lavori. Nell'abside sono stati raffigurati, oltre ad Agostino che celebra la S. Messa a suffragio delle anime del Purgatorio, la Madonna della Cintura, i due patroni titolari della chiesa di sant'Agostino di Dublino e cioŔ lo stesso Agostino e san Giovanni Battista. Un'altra scena propone l'azione misericordiosa di san Tommaso da Villanova.

La figura di Agostino e quella di san Nicola da Tolentino vengono talvolta associata alle anime del Purgatorio. In ginocchio di fronte alla Vergine, assieme a Monica, Santa Rita o san Nicola da Tolentino (santi agostiniani) compare in alcune composizioni a impetrare l'aiuto divino per le anime dannate ma non condannate eternamente, affinchŔ possano ascendere in cielo.

Sant'Agostino aveva sostenuto l'esistenza di uno stato intermedio di prova tra la felicitÓ futura e la dannazione, quello della purificazione delle anime attraverso il fuoco. La dottrina del Purgatorio fu comunque formulata nel VI secolo e proclamata dogma della Chiesa dal Concilio di Firenze nel 1439.

Agostino attesta la fermissima fede della Chiesa dei primi secoli nella esistenza del Purgatorio.

Scrive: "Non si pu˛ negare che le anime dei defunti possono essere aiutate dalla pietÓ dei loro cari ancora in vita, quando Ŕ offerto per loro il sacrificio del Mediatore (qui sant'Agostino sta parlando del sacrificio della Santa Messa), oppure mediante elemosine"

AGOSTINO, De fide, spe, et caritate

 

Ancora, per suffragare la tesi che la Chiesa abbia conosciuto la dottrina del purgatorio sin dall'inizio, citiamo il documento di sant'Agostino "Le Otto questioni di Dulcizio":

"PRIMA QUESTIONE: I battezzati peccatori saranno liberati dalla geenna? La tua prima domanda Ŕ questa: ╚ possibile a coloro che hanno peccato dopo il battesimo essere liberati una buona volta dall'inferno? Tu dici che su questo argomento le opinioni sono diverse. Alcuni rispondono che i tormenti dei peccati sono senza fine, come il premio dei giusti. Essi vogliono infatti affermare che il castigo Ŕ eterno quanto il premio. Ma contro costoro c'Ŕ la parola evangelica che dice: "Non uscirai di lÓ, finchÚ tu non abbia pagato fino all'ultimo spicciolo ". Ne deriva quindi che, saldato il debito, possa uscire. Questa, noi crediamo, Ŕ anche la sentenza dell'Apostolo che dice: " Egli si salverÓ per˛ come attraverso il fuoco ".

La questione se il purgatorio fosse esistente o meno era giÓ attuale ai tempi di Agostino, ma egli non aveva alcun dubbio al riguardo. Ancora leggiamo dallo stesso documento : Ho detto ancora qualcosa di simile a Lorenzo ed Ŕ questo : Il tempo frapposto tra la morte dell'uomo e la risurrezione finale trattiene le anime in dimore misteriose, a seconda che ciascuna abbia meritato quiete o afflizione, in rapporto a quel che ha ottenuto in sorte finchÚ viveva nella carne. Non si deve nemmeno negare che le anime dei defunti ricevono sollievo dalla pietÓ dei propri cari che sono in vita, quando viene offerto per loro il sacrificio del Mediatore o si fanno elemosine nella Chiesa. ". In un altro passo di uno dei suoi numerosi documenti sant'Agostino afferma : "Una lacrima per i defunti evapora, un fiore sulla tomba appassisce, una preghiera, invece, arriva fino al cuore dell'Altissimo."

 

 

Franz Mayer

Le vetrate dell'abside sono di Franz Mayer and Co. di Monaco, una famosa impresa tedesca, con sede a Monaco di Baviera, attiva nel campo delle arti decorative per ben centocinquant'anni. L'azienda Ŕ stata molto popolare alla fine dell'Ottocento come principale fornitrice di vetrate artistiche alle grandi chiese cattoliche in tutto il mondo, avendo anche il benestare della Santa Sede. In Irlanda, in particolare, ha curato l'allestimento di ben nove chiese cattedrali (Derry, Carlow, Kilmore, etc.) e di almeno una cinquantina di chiese minori.