Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Settecento > Munnerstadt

CICLo AGOSTINIANo di Johann Anwander a Munnerstadt

Interno della chiesa agostiniana di san Michele e Agostino a Munnerstadt

Interno della chiesa agostiniana di san Michele e Agostino a Munnerstadt

 

 

JOHANN ANWANDER

1760 circa

Munnerstadt, chiesa di sant'Agostino

 

Episodi della Vita di sant'Agostino

 

 

 

Le pitture affrescate furono disegnate e realizzate da Johann Anwander (Rappen 1717 - Lauingen sul Danubio 1770), pittore rococ˛ assai attivo in Svevia e in Franconia.

Il pittore ha progettato tre grandi affreschi che ricordano e celebrano alcuni aspetti della vita di Agostino. In una prima scena immagina il santo in estasi davanti alla TrinitÓ, con vari riferimenti alla sua attivitÓ di apologeta, in una seconda scena lo troviamo davanti al Cristo crocifisso con la madre Monica che riceva la sacra cintura e infine in una terza scena presenta il primo santo agostiniano, san Nicola da Tolentino che vede in rivelazione la Vergine e viene guarito della sua malattia. Anwander aveva giÓ dipinto un ciclo di sant'Agostino nella chiesa agostiniana di Schwabisch-Gmund (1757) in una scena dell'apparizione di Continenza. Anwander, il figlio di un agricoltore, ha ricevuto la sua formazione probabilmente nel monastero Ottobeuren o Mindelheim. Nel 1740 si spos˛ con Maria Franziska Seser, la figlia di un consigliere di Lauingen, dove fu apprezzato come pittore. All'etÓ di 35 anni decise di trasferirsi a Bamberga, dove, nel 1756, realizz˛ gli affreschi della facciata esterna del municipio con scene raffiguranti l'Apoteosi del vescovo C. di Stadion, le Allegorie della morte del vescovo J. di Frankenstein, e Quattro scene del Vecchio Testamento per la Sala delle Sedute.

Ha lasciato le sue opere, dipinti e affreschi, in pi¨ di 50 chiese nella Germania meridionale.

Gli affreschi agostiniani di Johann Anwander si trovano nella chiesa dedicata a S. Agostino. In questo piccolo paese della Baviera annessa alla chiesa esiste da secoli un insediamento agostiniano con un convento. La cittÓ Ŕ ancora stretta da mura duecentesche con torrette che risalgono al 1200 e una fitta di case a graticcio del secolo XVI-XVIII. La chiesa parrocchiale Ŕ invece tardo romanica del XIII sec. con innumerevoli opere d'arte.

 

Opere principali di Johann Anwander:

La pala, pittura ad olio, della Madonna di Einsiedeln (1738)

L'altare maggiore (1740) e due altari laterali (1743) della chiesa cattolica di San Leonardo a Ried

La grande croce nella cattolica chiesa parrocchiale di San Martino a Lauingen (1752-1753)

Gli affreschi della Sala Dorata in Dillingen, un grandioso lavoro diel 1762

Gli affreschi della parrocchiale cattolica di S. Michele in Lutzingen nel 1767

Gli affreschi della chiesa cattolica di Maria Immacolata a Bach in Svevia  (1758)

La pittura dei soffitti del Santuario di Unterkochen

Inoltre dipinse la  Chiesa di S. Agostino a Schwńbisch GmŘnd (1757) e decor˛ pittorescamente la facciata del vecchio municipio di Bamberg.