Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Quattrocento > Cremona

CICLo AGOSTINIANo di Giovan Pietro Da Cemmo a Cremona

Matrimonio fra Monica e Patrizio nella Chiesa di S. Agostino a Cremona

Matrimonio fra Monica e Patrizio

 

 

GIOVAN PIETRO DA CEMMO

1498-1504

Cappella del SS. Sacramento in S. Agostino a Cremona

 

Matrimonio fra Monica e Patrizio

 

 

 

La scena che compariva nella prima pagina della Historia Augustini, rivela che Pietro da Cemmo conosceva l'opera del miniaturista medioevale del XV secolo. Ma in questa circostanza si limita piuttosto a riprodurre un modello di matrimonio della Vergine come se ne trovava in una qualsiasi chiesa parrocchiale. I costumi sono sontuosi: due gruppi si fronteggiano dirimpetto. Patrizio offre la mano a Monica che gli dÓ la sinistra. Altri personaggi accompagnano sia Patrizio che Monica. Il solo elemento pittoresco Ŕ costituito da due ragazzotti che giocano con una ragazza.

 

Ispira Signore mio Dio e Dio mio, ispira i tuoi servi, i fratelli miei, i tuoi figli, i padroni miei, che servo col cuore e la voce e gli scritti, affinchÚ quanti leggono queste parole si ricordino davanti al tuo altare di Monica, tua serva e di Patrizio, giÓ suo marito, mediante la cui carne mi introducesti in questa vita, non so come.

AGOSTINO, Confessioni 9, 13, 37

 

Mia madre fu allevata nella modestia e nella sobrietÓ, sottomessa piuttosto da te ai genitori, che dai genitori a te. Giunta in etÓ matura per le nozze, fu consegnata a un marito, che servý come un padrone. Si adoper˛ per guadagnarlo a te, parlandogli di te attraverso le virt¨ di cui la facevi bella e con cui le meritavi il suo affetto rispettoso e ammirato.

AGOSTINO, Confessioni 9, 9, 19