Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Settecento > Jakub Pischel

PITTORI: Jakub Pischel

Immagine affrescata del monastero agostiniano di HavlÝčkově Brodě

Immagine affrescata del monastero agostiniano di HavlÝčkově Brodě

 

 

PISCHEL JAKUB

1756

HavlÝčkov Brod, monastero agostiniano

 

Episodi della Vita di sant'Agostino

 

 

 

In passato, una serie di dipinti a lunetta adornava i corridoi al piano terra e al primo piano del monastero agostiniano di Brod. Dopo che le istituzioni statali si insediarono nel monastero all'inizio del secolo scorso, i dipinti furono rimossi e collocati per terra, dove rimasero per decenni completamente dimenticati sotto uno strato di polvere e escrementi di uccelli. Furono riscoperti solo verso la alla metÓ degli anni '80. Due sono i cicli di dipinti a lunetta che erano stati realizzati nell'ex monastero agostiniano di HavlÝčkův Brod. Il primo dei due Ŕ costituito da ventidue tele con scene della vita di San Giuseppe. Il secondo ciclo invece illustra la vita di Sant'Agostino con un medesimo numero di tele. Entrambi i cicli sono stati realizzati con la tecnica della pittura ad olio su tela e tutti i dipinti corrispondono per forma alla nicchia lunare nella sala della croce del monastero. L'autore dei quadri Ŕ il pittore locale Jakub Pischel (1695-1785), che era ben conosciuto tra gli agostiniani, come Ŕ dimostrato da alcuni altri suoi lavori, che si sono conservati e furono eseguiti per il monastero. Rafforzano questa identificazione anche alcune note della cronaca Annales Nostri.

Nella cronaca del monastero "Annales Nostri" c'Ŕ solo una breve registrazione del 1756, in cui si afferma che la pittura del ciclo fu nuovamente affidato al pittore Jakub Pischel per il prezzo di 256 fiorini. Vi compaiono anche altre informazioni relative alle iscrizioni dei cartigli o brevi descrizioni di eventi come: "... Vitam SS. Legislator nostri nostri D. P: Augustini ..."

La condizione delle singole lunette in molti casi era in uno stato di degrado tale che non era nemmeno possibile riconoscere le singole scene. La metÓ delle lunette fortunatamente sono giÓ state restaurate. Il numero originale di dipinti non Ŕ menzionato da nessuna parte, ma Ŕ probabile che fosse lo stesso numero del ciclo della vita di San Giuseppe. Le iscrizioni dei cartigli lasciano presupporre che il pittore Pischel non conosceva il latino.

L'impostazione iconografica dei dipinti a lunetta del ciclo agostiniano Ŕ stata realizzata tenendo conto di tutta la letteratura disponibile sul tema. I dipinti sono stati dichiarati monumento culturale nel 2006. La maggior parte delle tele Ŕ giÓ stata restaurata ed esposta nel monastero, ma in molti casi il ritorno dei dipinti a lunetta non Ŕ stato possibile a causa della ricostruzione del monastero, che ha avuto luogo a partire dal 1980. Alla decorazione dell'intero complesso monastico parteciparono anche artisti famosi come Siard Nosecky, Ignac Rohrbach oltre a Jakub Pischel. Grazie alla sua architettura e ai pezzi artistici conservati, il complesso monastico Ŕ considerato un importante monumento barocco della regione di HavlÝčkův Brod (prima del 1945 Německř Brod).

 

 

Pischel Jakub Antonin

Tre generazioni di pittori Pischel hanno vissuto a Jemnice, provenendo, secondo la tradizione, da Mohelnice. Non Ŕ noto l'anno del loro arrivo e la prima menzione risale al 1673, quando si parla del pittore Marcel, a volte Jan Marczelo, Pischel, un borghese e consigliere della cittÓ di Jemnice. Suo figlio fu il pittore Jakub AntonÝn e alla terza generazione troviamo il nipote Leopold Josef, a sua volta pittore.

Nel 1677 Marcel Pischel spos˛ Anna ed ebbe tre figli: Jan Jakub (1680), Veronika (1683) e Jakub AntonÝn (1695). Non Ŕ noto quali dipinti realizz˛ Marcel e per chi, ma per i suoi buoni rapporti con i francescani si pu˛ presumere che abbia partecipato alla decorazione dell'interno della chiesa del monastero a Dačice. Dopo prese con sÚ come assistente suo figlio Jakub che lo aiut˛ in alcuni lavori nella tenuta di Jemnice di proprietÓ della famiglia Jankovskř di Vlašim.

Fortunatamente abbiamo pi¨ notizie del figlio Jakub Pischel, che dopo un viaggio in Germania si trasferý a Brod. Si spos˛ con Agneska nel 1732 ed ebbe i figli: Michele (1733), Anna (1735), Giovanni (1737), Antonina (1740), Giuseppe (1744), Maria (1746) e Catherine (1748). Jakub Pischel morý nel 1785 "... alla benedetta etÓ di novanta anni nella casa di sua figlia Kateřina HornÝ ... "

L'attivitÓ artistica di Jakub Pischel fu strettamente legata al monastero agostiniano di Německř Brod. Nel 1723 dipinse un quadro per l'altare della Vergine Marie Bolestnß. Nel 1731 decor˛ l'altare della Vergine Maria di Brno. Nel 1746 realizza per il monastero un primo ampio ciclo con scene della vita di San Giuseppe. Probabilmente l'ultimo lavoro risale al 1756, quando porta a termine un secondo grande ciclo di lunette per il monastero dipinti con scene della vita di Sant'Agostino. Per gli agostiniani realizz˛ anche dorature, timbrature di altari, pulpiti e vetrate, tanto che i monaci lo chiamavano "Dominus Pictor". Jakub Pischel non Ŕ uno dei migliori pittori barocchi boemi, ma Ŕ un artista di talento di rilevanza locale.

 

 

 

1. Agostino consegna la Regola

2. Agostino manicheo

3. Agostino guarisce un malato

4. Morte di Agostino

5. Sogno di Monica

6. Monica incontra un vescovo

7. Agostino insegna retorica

8. Agostino fonda monasteri

9. Agostino lava i piedi al Cristo pellegrino

10. Agostino ordinato sacerdote

11. Disputa con Fortunato manicheo

12. Agostino scrive nel suo studio

13. Preghiera di Monica

14. Monica vede in sogno la conversione del figlio

15. Estasi in Ostia

16. Agostino annuncia la sua conversione a Monica

17. Non definibile

18. Cuore ardente

19. Incontro con Ponticiano

20. Il battesimo di Agostino

21. Monte Pisano

22. Non definibile