Percorso : HOME > Iconografia > Cicli > Settecento > Louis de Boullogne

CICLo AGOSTINIANo di Louis de Boullogne aux Invalides a Parigi

La Conferenza di Cartagine, dipinto di Louis de Boullogne nella chiesa des Invalides a Parigi

La Conferenza di Cartagine

 

 

LOUIS DE BOULLOGNE

1710

Chiesa aux Invalides a Parigi

 

La Conferenza di Cartagine

 

 

 

Di questo affresco possediamo il disegno preparatorio che presenta varie differenze con l'originale, segno che l'autore ha successivamente introdotto degli importanti cambiamenti. Nella composizione finale la struttura evolve verso una maggiore simmetria e il console Marcellino, posto al centro della scena acquista in maestositÓ. Dietro lui due littori portano i fasci del potere. Uno stenografo Ŕ seduto ai piedi e registra le parole di Agostino. Costui Ŕ vestito con semplicitÓ e tiene un libro aperto nella mano sinistra, mentre leva imperiosamente la mano destra verso l'alto. A sinistra i due donatisti argomentano con pi¨ calma. La presenza del proconsole fra i due contendenti vuol essere segno di storicitÓ: Agostino non presiede pi¨ il concilio come avveniva in tutte le rappresentazioni del '600.

 

Nel giugno 411, alla presenza di 286 vescovi cattolici e 279 vescovi donatisti, fu organizzata a Cartagine una solenne conferenza. I portavoce dei Donatisti erano Petiliano di Costantina, Primiano di Cartagine ed Emerito di Cesarea, gli oratori cattolici Aurelio di Cartagine ed Agostino. Alla questione storica in discussione, il vescovo di Ippona prov˛ l'innocenza di Ceciliano e del suo consacratore Felice, sostenendo, nel dibattito dogmatico, la tesi cattolica che la Chiesa, finchÚ esiste sulla terra, pu˛, senza perdere la sua santitÓ, tollerare i peccatori al suo interno nell'interesse della loro conversione. A nome dell'imperatore il proconsole Marcellino sanzion˛ la vittoria dei cattolici su tutti i punti in discussione.

 

Essi stessi per primi, inoltre, fecero quel che adesso rimproverano a noi per trarre in inganno i sempliciotti, dicendo che i cristiani non debbono chiedere alcun appoggio agli Imperatori cristiani contro i nemici di Cristo. Questo fatto i donatisti non hanno osato negarlo neppure nella conferenza che tenemmo insieme a Cartagine. Non solo, ma hanno perfino osato vantarsi che i loro predecessori intentarono un processo criminale contro Ceciliano, e per giunta hanno sparso la menzogna d'aver fatto condannare Ceciliano ... In qual modo poi nella stessa conferenza, essi fossero battuti su tutta la linea, lo affermano i verbali relativi.

AGOSTINO, Lettera 185, 2, 6 a Bonifacio de correctione Donatistarum